Lunedì 21 Agosto 2017 - 08:00

Milano, auto nel canale dopo gita sull'Adda: 3 morti, bimbo disperso

E' successo a a Truccazzano, vittima un cinquantenne dell'Ecuador. Non si trova anche un bimbo

Milano, auto in un canale: un morto e tre dispersi

Non si spegne la speranza per il bambino di sei anni che ieri sera era a bordo della Peugeot 307 precipitata nel canale Muzza a Truccazzano, in provincia di Milano. La mamma e il papà, ecuadoriani di 42 e 36 anni, sono morti assieme al proprietario e conducente della vettura, connazionale di 47. I vigili del fuoco e i carabinieri stanno cercando il piccolo, sette anni a ottobre, anche se le speranze, precisano i soccorritori, "sono lievi": le ricerche in elicottero e dei sommozzatori proseguono senza sosta.

I quattro, residenti a Pioltello, nell'hinterland, avevano passato la domenica pomeriggio sul fiume Adda assieme agli amici. Una scampagnata felice, prima del ritorno a casa, dove non sono mai arrivati. Verso le 20.30 stavano percorrendo la strada statale 14 Rivoltana, tra Milano e Cremona, quando l'auto, che procedeva a forte velocità, è uscita fuori strada, sfondando il guardrail di un ponticello e precipitando nelle acque della Muzza, un canale artificiale, volgarmente chiamato 'fiume Muzza' per la sua generosa portata, che nasce a Cassano d'Adda e termina a Castiglione. Assistono alla scena i passeggeri di una seconda automobile: sono loro a chiamare i soccorsi e a descrivere l'accaduto alle forze dell'ordine.

Per estrarre l'auto è stato necessario l'intervento di una gru e di una teleferica: le operazioni sono durate tutta la notte. All'interno dell'abitacolo i sommozzatori hanno subito individuato il 36enne, che è stato il primo ad essere recuperato; il lunotto posteriore della Peugeot 307 rotto ha subito fatto pensare ai soccorritori che potevano esserci altre vittime. Tesi confermata dai parenti dell'ecuadoriano, chiamati per l'identificazione della salma. La moglie e il proprietario della macchina, sbalzati fuori dall'auto, erano infatti stati trascinati dalla corrente per diverse centinaia di metri. Li hanno trovati i vigili del fuoco lunedì mattina, attorno alle 11, dentro il canale scolmatore della centrale idroelettrica di Paullo. Tutti e tre i corpi saranno sottoposti ad autopsia. L'indagine, condotta dai carabinieri, è coordinata dalla procura di Lodi. Ancora nessuna traccia del bimbo.

Scritto da 
  • Ester Castano
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presunti abusi nel collegio dei chierichetti: il Vaticano apre una nuova indagine

Nuova inchiesta sul preseminario 'San Pio X'. Il tema scottante affrontato nel nuovo libro di Nuzzi

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"