Sabato 08 Aprile 2017 - 17:30

Milano, minaccia passanti con coltelli: polizia spara e lo ferma

E' successo in viale Monza, l'uomo era sotto effetto di sostanze stupefacenti

Milano, minaccia passanti e agenti con coltelli: ferito da polizia

Minacciava i passanti brandendo due coltelli e poi si è scagliato anche contro i poliziotti, che hanno sparato e l'hanno ferito con un colpo di pistola alla gamba. L'uomo, ancora non identificato perché non aveva documenti, è ora ricoverato al Niguarda in codice rosso ed è piantonato. L'aggressore - fa sapere la polizia - era stamattina, intorno alle 7.30 davanti a un negozio di kebab in viale Monza 38, a Milano, e pare stesse litigando con altre due persone. Era sotto effetto di sostanze stupefacenti, tra cui cocaina, marijuana e oppiacei. Gli agenti hanno provato a calmarlo, anche con l'uso dello spray al peperoncino, e nel momento in cui ha provato ad andare addosso a un poliziotto, l'altro collega ha sparato quattro colpi nelle vicinanze, uno dei quali gli è finito sulla gamba. L'aggressore è ricoverato al Niguarda con 15 giorni di prognosi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

MIlano pride 2017

Pride 2017 a Milano: 200mila per i diritti sotto il sole cocente

All'evento anche il sindaco Sala e l'assessore Majorino

Milano, accordo su riqualifica scali ferroviari

Inchiesta Expo, sindaco Sala indagato per turbativa d'asta

La Procura indaga su appalto scorporato per fornitura degli alberi

Vaccini, morto il bimbo di 6 anni malato di leucemia e ricoverato per morbillo a Monza

Bimbo malato di leucemia muore di morbillo contagiato dai fratelli

E' deceduto per complicanze polmonari e cerebrali. L'assessore Gallera: "Esempio dell'importanza dell''immunità di gregge'"

Milano, la Cassazione dice no all'ergastolo per Brega Massone: rideterminare la pena

Milano, la Cassazione annulla l'ergastolo per Brega Massone

L'ex primario del reparto di chirurgia toracica della clinica Santa Rita è stato accusato di omicidio volontario per la morte di 4 pazienti