Martedì 17 Aprile 2018 - 15:15

Milano, ossa in un ex deposito Centrale: c'è documento scomparso nel '91

A segnalarle un clochard. Vicino trovata la carta d'identità di Umberto Barresi sparito 27 anni fa. Non c'è la certezza che si tratti di lui

Milano, trovato scheletro all’interno di un ex deposito ferroviario

Una scoperta choc a Milano. Delle ossa umane sono state ritrovate nella mattinata all'interno di un ex deposito ferroviario, tra viale Lunigiana e via Sammartini, a pochi metri dalla Stazione Centrale. A segnalare alla polizia la presenza di uno scheletro scomposto è stato un clochard, e non è detto che altre persone senza fissa dimora non se ne siano accorte in passato, ma abbiano fatto finta di niente.

Il mistero s'infittisce, perché gli agenti hanno individuato nelle vicinanze il documento di un uomo di cui non si hanno più notizie dal 1991, la cui vicenda è stata seguita dalla trasmissione televisiva 'Chi l'ha visto?' in una puntata del 2009. La carta d'identità appartiene a Umberto Barresi, nato il 10 ottobre 1943, residente ad Aidone, in provincia di Enna, scomparso a Milano il 15 giugno 1991. Alto 1,64 metri, con occhi e capelli castani, secondo la scheda della trasmissione di Rai3, l'uomo aveva due segni particolari: una cicatrice sul naso e una alla guancia destra.

 

"A causa di gravi problemi di schizofrenia manifestati fin dalla giovinezza non aveva mai lavorato, né si era formato una famiglia. Frequentemente viaggiava in treno e si sostentava attraverso la pensione dei genitori. Spesso si recava a Milano dove soggiornava all'Istituto Giovanni Ferrara per persone disagiate", si legge sul sito ufficiale di 'Chi l'ha visto?'.

Ma sono diversi ancora gli interrogativi senza una risposta. Resta innanzitutto da stabilire se si tratti di un uomo o una donna e se la morte sia stata naturale o meno. L'analisi delle ossa potrà chiarire i dubbi. Sta di fatto che, al momento, non c'è la certezza che si tratti proprio del 47enne in arrivo dalla provincia di Enna e scomparso 27 anni fa. La polizia scientifica è intervenuta insieme al medico legale, Cristina Cattaneo, per gli accertamenti del caso. Le indagini sono affidate alla squadra mobile. 

Loading the player...
Scritto da 
  • Luca Rossi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Delitto Macchi, ergastolo per Stefano Binda a 30 anni dall'omicidio

Lidia è stata uccisa con 29 coltellate nel gennaio del 1987. Lui era un suo ex compagno di liceo

Cielo con sole e qualche nuvola: il meteo del 24 e 25 aprile

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare