Domenica 01 Ottobre 2017 - 14:00

Milano, si salva da stupro suonando il clacson dell'auto

L'aggressore, un tassista abusivo 50enne, è stato arrestato

Si è salvata da un tentato stupro suonando il clacson del taxi, che poi è risultato abusivo. Una ragazza di 20 anni, di origine sudamericane, è stata aggredita ieri mattina da un sudamericano di 50, che aveva incontrato all'esterno di una discoteca a Milano. Lo riporta il Corriere della Sera.

Arrivati nel quartiere milanese di Quarto Oggiaro, l'uomo ha tentato di violentarla, ma lei è riuscita a suonare il clacson dell'auto attirando l'attezione degli abitanti del quartiere. Alcuni di loro sono scesi in strada, hanno rotto il vetro della vettura e hanno picchiato l'uomo, che ha rischiato il linciaggio. Il 50enne è riuscito però a mettere in moto l'auto e fuggire, lasciando in via Cittadini la donna, che è stata soccorsa poi da un'ambulanza e portata alla clinica Mangiagalli. Il sudamericano è stato poi rintracciato dalla polizia locale ed arrestato.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Esplosione di un ordigno davanti alla porta di un abitazione a Pioltello

Varese, ritrovata la ragazza scomparsa nel 'bosco della droga'

. Le indagini proseguiranno per accertare cosa sia accaduto nella notte di sabato e per individuare i colpevoli

Milano, al via reddito di maternità: arrivata la 'bebè card'

A Milano al via il reddito di maternità: arriva la 'bebè card'

Il contributo mensile di 150 euro viene caricato dal Comune direttamente sulla tessera elettronica

Milano, sciopero dei trasporti: circolazione regolare per metro e treni

Milano, deraglia la metro verde. Nessun ferito, 400 evacuati

E' uscito dai binari un treno della linea 2 tra le stazioni di Udine e Cimiano. Da verificare le cause