Mercoledì 29 Novembre 2017 - 11:00

Milano, strappa l'orecchio al tassista dopo una lite per il parcheggio

L'aggressione furibonda martedì mattina vicino alla stazione centrale

Un video delle telecamere di sicurezza ha ripreso tutta la scena e grazie anche a quelle immagini gli inquirenti hanno ricostruito la dinamica dell'aggressione. Adesso però Antonio Bini, 29 anni, nega tutto e dice di non aver mai morso l'orecchio del tassista 48enne, 

Pier Federico Bossi, con cui martedì è venuto alle mani in via Lepetit, a pochi passi dalla Stazione Centrale di Milano.

Davanti al giudice Anna Maria Gerli, nel corso dell'udienza per la convalida del fermo, il 29enne che lavora alla reception di un albergo a poca distanza da dove è avvenuta la rissa, ha raccontato che il rivale si è ferito cadendo. "Non l'ho morso all'orecchio - ha detto il body builder - forse il lobo gli si è staccato urtando contro un vaso o contro il marciapiede".

Loading the player...

Come si vede anche dal video delle telecamere di sicurezza, il tassista, stordito dai colpi, ha chiamato aiuto e si è sdraiato sul cofano dell'auto di Bini

. È arrivato in ospedale con fratture al naso e alla clavicola. I medici, con un intervento, sono riusciti anche a ricucire il lembo dell'orecchio che si era staccato. Anche Bini è stato accompagnato al Fatebenefratelli per farsi medicare le lievi contusioni riportate.

Davanti al giudice, questa mattina, il 29enne si è difeso dicendo che il tassista lo avrebbe provocato con la frase "picchiami picchiami, tanto io sono del mestiere". "Era più grosso di me", ha aggiunto Bini. Una versione opposta rispetto a quella riportata da un quotidiano a cui il 48enne ha raccontato che è stato il body builder a urlare: "Ti ammazzo come il tuo collega", facendo riferimento a Luca Massari, l'autista pestato a morte nel 2010. "Ho pensato alle parole di un bullo al volante - questa la versione del conducente - Mi ha aggredito per la prima volta armato di un coltello. C'è stata una colluttazione ma io ho cercato di evitare il contatto. Ci siamo separati e sembrava finita lì. Invece dopo pochi secondi mi è venuto addosso cercando di darmi una testata e mi ha morso l'orecchio sinistro".

Dall'udienza è emerso che Bini aveva un precedente per furto ed era stato prosciolto per una rissa fuori da un locale, quando era minorenne. "Non è l'animale che state descrivendo, non è andato cosi'", lo ha difeso la fidanzata con la quale convive. In aula c'erano i genitori del giovane che al termine dell'udienza hanno invitato con toni bruschi i fotografie a non scattare immagini. Il processo è stato aggiornato al 5 dicembre.

Il giudice al termine dell'udienza ha convalidato la misura degli arresti domiciliari.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rigopiano, trovati otto superstiti nel resort investito da slavina.

Morti due alpinisti travolti da una valanga sulla Grignetta

La neve si è staccata mentre salivano lungo un canalone. Un terzo tratto in salvo con l'elicottero

Como, esplosione in ditta: Areu attiva Unità decontaminazione

Milano, rogo in un palazzo a Quarto Oggiaro: bambino gravissimo e 11 intossicati

Un appartamento è andato in fiamme in un palazzo di 13 piani. Il piccolo abitava al piano sopra quello dell'incendio

Omicidio a Milano, ragazzina accoltellata in appartamento di via Brioschi

Omicidio Jessica, in un biglietto del tranviere l'interesse sessuale per la ragazza

La 19enne aveva anche raccontato ai carabinieri delle attenzioni dell'uomo

Inseguimento fra ladri polizia e carabinieri nella notte a Milano

Monza, madre e figlia trovate morte: fermato lo zio 75enne

L'uomo è in ospedale per un malore dovuto da alcol. I corpi sono stati ritrovati, in avanzato stato di decomposizione, nella casa doveva i tre vivevano insieme