Lunedì 23 Luglio 2018 - 21:30

Milano, treno deragliato: dodici anni di usura per il giunto ceduto

Si cercano le cause dell'incidente che il 25 gennaio ha causato la morte di tre passeggeri, ferendo altri 50

Milano, cominciati i lavori di rimozione del treno deragliato

Dodici anni di usura, accentuata da una sollecitazione troppo forte nell'ultimo periodo. Potrebbero essere queste la cause che hanno portato alla rottura il giunto, che ha ceduto il 25 gennaio scorso poco lontano della stazione di Pioltello al passaggio del treno regionale 10452. La terza carrozza è uscita dai binari trascinando con sé il resto del convoglio, che si è schiantato contro un palo di cemento uccidendo 3 passeggeri e ferendo altri 50. 

Il pezzo usurato è stato realizzato nel 2004 nella fabbrica di Rete Ferroviaria Italiana di Pontedera. Solo due anni dopo, nel 2006, è stato "messo in opera" per poi rompersi di netto 12 anni dopo. É stata la stessa Rfi a ricostruire la 'storia' del giunto già deteriorato che, cedendo, ha fatto uscire il convoglio dai binari nel punto 'zero', un centinaio di metri prima della stazione di Pioltello. I pm Maura Ripamonti, Leonardo Lesti e il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano - che hanno indagati per disastro ferroviario colposo e altri reati due manager e quattro tecnici di Rfi e due manager di Trenord, oltre alle due societa' - avevano chiesto a di chiarire il 'mistero' su chi lo avesse e quando.

Dopo giorni di ricerche Rfi ha fornito alla procura tutti i dati dati in base ad una ricostruzione relativa fatta analizzando alcuni elementi tecnici del giunto, come la lega di metalli di cui era stato realizzato o le viti e i rivetti usati per fissarlo al binario. Manca però una "tracciabilità" precisa. Agli atti, infatti, non risulterebbero al momento dei documenti di fabbricazione che permettano di ricondurre il numero di serie, emerso dopo aver ripulito il pezzo da ruggine e calcare, a una partita di pezzi prodotti a Pontedera. A incidere sulla tenuta, per il professor Donato Firrao, docente di Tecnologia dei Materiali Metallici del Politecnico di Torino, "più che gli anni trascorsi dalla messa in opera, è il tempo per il quale è stata applica una tensione per il quale il giunto non era stato progettato". "Se un binario non riceve sollecitazioni eccessive - spiega - può durare anche 20 anni".

Il punto cruciale, però, è "capire da quanto si fosse formato il buco" sotto la linea ferroviaria, che poi è stato riparato utilizzando la zeppa di legno, rimasta lì per almeno 3 o 4 mesi. "Prima si saranno formate delle microfratture dovute alla fatica sopportata dal giunto - aggiunge l'esperto - e poi c'è stata la rottura". Proprio il pezzo di 23 centimetri che si è staccato dal binario è stato al centro degli accertamenti eseguiti oggi, alla presenza di tutte le parti, negli uffici della Polfer e il prossimo 19 settembre l'attività proseguirà con l'analisi di un giunto 'gemello' in buon condizioni da comparare con quello in cattivo stato.

Scritto da 
  • Benedetta Dalla Rovere
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda

Lombardia, contraccettivi gratis per gli under 24 nei consultori

L'ordine del giorno mira a sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile

Brescia, bimba dodicenne autistica dispersa nei boschi di Serle

Brescia, nessuna traccia di Iushra: ultimo giorno di ricerche nei boschi

La 12enne autistica scomparsa nove giorni fa sull'altopiano di Cariadeghe. Un testimone ha raccontato di aver notato una ragazzina su una panchina, la stessa immagine vista da una sensitiva di Padova