Domenica 11 Marzo 2018 - 09:00

Milano, vasto incendio in una cartiera a Cologno Monzese

A quanto si apprende non ci dovrebbero essere persone coinvolte nell'incendio

Milano, incendio a auto nel parcheggio del Simply Market

Un vasto rogo è scoppiato nell cartiera Alfa Macera di Cologno Monzese nei pressi di Milano. Al lavoro diverse squadre dei Vigili del Fuoco che hanno ricevuto la segnalazione questa mattina poco dopo le 7. Sul posto anche il nucleo Nbcr, la squadra che verifica l'eventuale presenza di amianto.

Nell'incedio scoppiato alla cartiera 'Alfa Maceri' di Cologno Monzese non risultano feriti o intossicati: lo stabile nella notte era vuoto. Una delle due palazzine attigue è stata evacuata per precauzione, mentre l'altra è stata svuotata per decisione degli stessi abitanti. Delle dodici famiglie interessate nove provvederanno a sistemarsi a casa di parenti ed amici mentre per le restanti tre provvederà il comune.

Sono "nella norma" i primi valori sull'eventuale presenza di sostanze tossiche nell'aria: i vigili del fuoco rendono infatti noto che gli strumenti "non hanno rilevato una soglia di allarme".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ambulanze a Milano

Milano, bimba di 7 mesi muore dopo aver ingerito un tappo, aperta indagine

Da accertare eventuali negligenze da parte dei genitori, che erano a casa con la piccola quando si è sentita male

\'Ndrangheta: maxi sequestro di beni in Lombardia e Calabria

"Infastidiva la mia donna", confessa il killer del senegalese ucciso a Milano

L'omicidio sabato sera: l'uomo freddato in strada con dieci colpi di pistola

Omicidio a Milano: Via Pezzotti 50 vicino al locale B52

Milano, ucciso con dieci colpi di pistola: muore senegalese

L'agguato nella notte in via delle Querce a Corsico. La vittima aveva 54 anni: raggiunto da sei proiettili alla testa

"Hai bocciato mio figlio, ti uccido": denunciato per aver minacciato di morte una professoressa

Il padre del 16enne ha telefonato all'insegnate dell'istituto professionale di Gorgonzola, per lui responsabile della mancata promozione del giovane