Mercoledì 15 Novembre 2017 - 08:30

Milano, violentò turista canadese fingendosi tassista: fermato 28enne

Il ragazzo salvadoregno, rintracciato martedì in provincia di Alessandria, abusò di un'altra donna nel 2010

Cernusco sul Naviglio, il luogo del lancio del sasso sulla statale

È stato arrestato Jose Balmore Argueta Iraheta , detto 'Cavallo', un salvadoregno di 28 anni, accusato di aver stuprato una turista canadese fingendosi un tassista, lo scorso settempre a Milano. Il ragazzo, che ha precedenti per tentato omicidio, è stato rintracciato martedì in provincia di Alessandria. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia Milano-Porta Monforte, supportati dalle investigazioni scientifiche del Ris di Parma. 

Loading the player...

L'uomo si era spacciato come dipendente di una ditta di noleggio auto con conducente, ma invece di accompagnare la turista alla stazione degli autobus di Lampugnano l'ha portata nella periferia di Crescenzago e l'ha stuprata. La donna, dopo la fuga del suo aguzzino, è riuscita a chiamare i soccorsi ed è stata ricoverata alla Clinica Mangiagalli. 

Nel 2010 abusò di un'altra donna, incontrata per caso a bordo di un treno regionale, in circostanze simili all'episodio più recente. L'abuso, da quanto hanno raccontato gli inquirenti, è avvenuto su un treno tra Milano Repubblica e Vignate all'alba. Il salvadoregno, che fa parte della gang di latinos MS18, all'interno del più ampio 'Barrio 18', il 17 luglio 2011 tentò di uccidere due membri di una gang rivale, detti 'Perrologo' e 'Chalancho', con un coltello. Insieme a lui c'erano altri due membri della gang. La violenza era nata da uno scontro tra bande rivali per il risultato di una partita di calcio. Per questo episodio è stato condannato a 7 anni.

Determinanti per individuarlo sono state l'analisi delle celle telefoniche sul percorso compiuto con l'auto il 17 settembre, prima della violenza alla 30enne canadese, e il Dna che è stato prelevato da un bicchierino. È emerso che coincideva con le tracce biologiche rilevate nell'episodio del 2010, che era stato archiviato. La macchina utilizzata era stata descritta dalla vittima e i carabinieri sono arrivati a individuarla anche grazie ad alcune cifre della targa, ben visibili dai filmati delle telecamere sul percorso fatto dal salvadoregno.

L'uomo è stato individuato e fermato martedì a casa della fidanzata, anche lei sudamericana, che vive ad Alessandria. Nelle prossime ore si terrà l'udienza di convalida della misura davanti al gip piemontese e poi, con ogni probabilità, l'uomo verrà trasferito nel carcere di San Vittore. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ambulanze a Milano

Milano, bimba di 7 mesi muore dopo aver ingerito un tappo, aperta indagine

Da accertare eventuali negligenze da parte dei genitori, che erano a casa con la piccola quando si è sentita male

\'Ndrangheta: maxi sequestro di beni in Lombardia e Calabria

"Infastidiva la mia donna", confessa il killer del senegalese ucciso a Milano

L'omicidio sabato sera: l'uomo freddato in strada con dieci colpi di pistola

Omicidio a Milano: Via Pezzotti 50 vicino al locale B52

Milano, ucciso con dieci colpi di pistola: muore senegalese

L'agguato nella notte in via delle Querce a Corsico. La vittima aveva 54 anni: raggiunto da sei proiettili alla testa

"Hai bocciato mio figlio, ti uccido": denunciato per aver minacciato di morte una professoressa

Il padre del 16enne ha telefonato all'insegnate dell'istituto professionale di Gorgonzola, per lui responsabile della mancata promozione del giovane