Martedì 14 Novembre 2017 - 11:30

Molestie, la Warner scarica Brizzi: "'Poveri ma ricchissimi' uscirà ma stop collaborazione"

Il film uscirà come previsto il prossimo 14 dicembre ma la casa di produzione taglia i ponti con il regista

'Poveri ma ricchissimi' uscirà ma la collaborazione con Fausto Brizzi è sospesa. Ad annunciarlo la Warner Bros. Entertainment Italia in seguito alle accuse di molestie ricevute dal regista. La casa di produzione, si legge in una nota, ha deciso di confermare l'uscita del film il prossimo 14 dicembre, dato che "questo film è il risultato della creatività, del lavoro e della dedizione di centinaia di donne e di uomini del cast e della produzione".

LEGGI ANCHE Moccia: "Accuse a Brizzi? Incredibile, ma io i provini non li faccio a casa"​

Warner Bros. Entertainment Italia "prende molto seriamente ogni accusa di molestia o abuso e si impegna fermamente affinché l'ambiente di lavoro sia un luogo sicuro per tutti i suoi dipendenti e collaboratori", aggiunge il comunicato precisando di aver "sospeso ogni futura collaborazione con Fausto Brizzi che non verrà associato ad alcuna attività relativa alla promozione e distribuzione del film 'Poveri ma ricchissimi'".

 

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Premiere di "The Promise" a Los Angeles

Molestie, una fan accusa Stallone ma lui nega: "Storia ridicola e falsa"

La donna ha dichiarato che, nel 1986, l'attore la costrinse ad avere un rapporto sessuale a tre

Molestie, accuse a Sylvester Stallone: fan 16enne costretta a rapporto a tre

La violenza - riporta il Daily Mail - sarebbe avvenuta in un albergo di Las Vegas nel 1986, quando l'attore lavorava ad 'Over the Top'

Kevin Spacey allegations

Molestie, teatro Old Vic Londra: 20 testimonianze contro Kevin Spacey

L'attore ne è stato il direttore artistico dal 2004 al 2015

Accuse a Brizzi, la moglie lo difende: "Per me sono solo voci"

Non la pensa così Asia Argento, che su 'Oggi' dichiara: "Non l'ho mai conosciuto ma sono dalla parte delle vittime. Non si può dubitare di dieci ragazze che raccontano lo stesso modus operandi"