Martedì 14 Novembre 2017 - 11:30

Molestie, la Warner scarica Brizzi: "'Poveri ma ricchissimi' uscirà ma stop collaborazione"

Il film uscirà come previsto il prossimo 14 dicembre ma la casa di produzione taglia i ponti con il regista

'Poveri ma ricchissimi' uscirà ma la collaborazione con Fausto Brizzi è sospesa. Ad annunciarlo la Warner Bros. Entertainment Italia in seguito alle accuse di molestie ricevute dal regista. La casa di produzione, si legge in una nota, ha deciso di confermare l'uscita del film il prossimo 14 dicembre, dato che "questo film è il risultato della creatività, del lavoro e della dedizione di centinaia di donne e di uomini del cast e della produzione".

LEGGI ANCHE Moccia: "Accuse a Brizzi? Incredibile, ma io i provini non li faccio a casa"​

Warner Bros. Entertainment Italia "prende molto seriamente ogni accusa di molestia o abuso e si impegna fermamente affinché l'ambiente di lavoro sia un luogo sicuro per tutti i suoi dipendenti e collaboratori", aggiunge il comunicato precisando di aver "sospeso ogni futura collaborazione con Fausto Brizzi che non verrà associato ad alcuna attività relativa alla promozione e distribuzione del film 'Poveri ma ricchissimi'".

 

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nuova indagine su Kevin Spacey per aggressione sessuale

Aperta a Londra un'inchiesta dopo una denuncia per presunte molestie avvenute nel 2005

Woody Allen in conferenza stampa

Molestie, Woody Allen smentisce di nuovo le accuse di Dylan Farrow: "E' stata sua madre a convincerla"

Secondo il regista, stanno "cinicamente" approfittando del movimento anti-molestie per rilanciare delle "accuse screditate"

Photocall del film "The post"

The Post, Spielberg racconta il giornalismo: “Con Trump la libertà di stampa è in pericolo”

Il regista Steven Spielberg e i protagonisti Tom Hanks e Meryl Streep a Milano per presentare in anteprima il loro prossimo film, inelle sale italiane dale 1 febbraio

Catherine Deneuve chiede scusa: "Abbraccio le vittime delle molestie"

L'attrice francese non si pente della firma sotto l'appello alla "libertà di molestare". Ma chiede scusa a chi si è sentita offesa