Lunedì 13 Febbraio 2017 - 19:45

E' morto Massimo Fagioli, psichiatra dell'Analisi collettiva

Lo studioso, autore di 23 libri, aveva 85 anni

Morto Massimo Fagioli, psichiatra dell'Analisi collettiva

Foto tratta dal profilo Twitter di 'Left'

E' morto a Roma lo psichiatra Massimo Fagioli. Ne dà notizia 'Left' in un articolo dal titolo 'Left saluta la sua T. Massimo Fagioli ci ha lasciati, dateci tempo e vi racconteremo' che campeggia sull'home page del sito della rivista. Aveva 85 anni ed era nato nel 1931 a Monte Giberto, in provincia di Ascoli Piceno.

 

 

Autore di 23 libri, è notissimo, in particolare, per 'Istinto di morte e conoscenza', il suo capolavoro teorico, scritto nel 1970, diffuso in decine di migliaia di copie, tradotto in molte lingue. Un testo, spiega il suo editore, "che racchiude le scoperte fondamentali della Teoria della nascita, con la quale lo psichiatra ha rivoluzionato dalle fondamenta la conoscenza sulla mente umana, a partire dalla scoperta dell'origine biologica del non cosciente".

Sabato 18 febbraio, dalle ore 10, fa sapere ancora l'Asino d'oro, un saluto a Fagioli è previsto in via Roma Libera 23 a Trastevere, "dove per quarantuno anni ha tenuto i seminari di Analisi collettiva, originalissime sedute di psicoterapia di gruppo, uniche nel loro genere, rivolte in modo gratuito e senza distinzioni a migliaia e migliaia di persone".

Scritto da 
  • redazione
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il 'Salvator Mundi' di Leonardo all'asta per 450 milioni di dollari

Un record mondiale per il dipinto riscoperto di recente e considerato l'ultimo del genio italiano

Musei italiani sempre pieni nel 2017. Verso i 50 milioni di visitatori

Dal Colosseo agli Uffizi, da Pompei alla Reggia di Caserta, continua l'incremento di pubblico e di incassi

Alessandro D'Avenia: Nessuno è all'altezza dell'amore

Lo scrittore parla del suo nuovo lavoro, " Ogni storia è una storia d'amore"

Rodin in mostra a Treviso, ma Facebook censura il suo "Bacio"

L'immagine usata per promuovere l'evento ma il social ha chiesto di "evitare allusioni di natura sessuale"