Lunedì 15 Gennaio 2018 - 10:15

Napoli, continuano le aggressioni delle baby gang: picchiato 16enne

Ancora violenze dopo la rapina con le catene di Pomigliano D'Arco

Incendio in un appartamento a Napoli nel quartiere Capodimonte

Le baby gang continuano a terrorizzare Napoli. Dopo l'aggressione con catene a Pomigliano d'Arco, la notte scorsa un 16enne è stato picchiato da un gruppo di ragazzi ed è finito all'ospedale Vecchio Pellegrini con il setto nasale fratturato.

La vittima ha riferito ai poliziotti di essere stato aggredito da alcuni coetanei, che lui non conosce, nei pressi della metropolitana del Policlinico intorno alle 21.30. Dagli insulti i giovani sarebbero passati ai pugni e il ragazzo sarebbe finito a terra. Tornato a casa, è stato portato in ospedale dai genitori, 30 i giorni di prognosi. La polizia sta indagando sull'accaduto cercando riscontri.

Questo è solo l'ultimo di una lunga serie di episodi agghiaccianti che hanno spesso lo stesso copione: bande di ragazzini, che, per furti o futili motivi, aggrediscono loro coetanei con "violenza inaudita", per usare le parole del questore di Napoli Antonio De Iesu. Per questo motivo martedì 16 gennaio, alle ore 15, in prefettura si terrà una riunione del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza pubblica con il ministro dell'Interno, Marco Minniti e coi vertici nazionali delle Forze dell'ordine, cui parteciperanno anche il Procuratore Distrettuale della Repubblica di Napoli e i vertici della magistratura minorile.

LE ULTIME AGGRESSIONI. A Pomigliano in 10 e armati di catene hanno avvicinato i coetanei, rubando loro uno smartphone. Le vittime, un 15enne e un 14enne, sono stati accerchiati da una decina di ragazzini e rapinati. Poco dopo due componenti del gruppo di aggressori sono stati rintracciati: in manette per rapina è finito un 15enne incensurato del luogo, mentre un 13enne di Somma Vesuviana, non imputabile, è stato bloccato. Il primo aveva ancora una catena con cui aveva minacciato e picchiato gli adolescenti. Le vittime, portate in ospedale a Nola, sono state medicate e dimesse: entrambe hanno riportato contusioni al volto e all'addome. Sono in corso le indagini per dare un nome agli altri componenti del gruppo, mentre il 15enne è stato accompagnato al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei.

Pochi giorni fa un'aggressione simile, sempre a Napoli. Venerdì pomeriggio Gaetano, 15anni, è stato assalito da una baby gang nella stazione metro linea 1 di Chiaiano. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto