Mercoledì 17 Giugno 2015 - 15:55

Nel 2014 'Paperoni' nel mondo salgono a 14,6 milioni, in Italia +7,7%

IMG

Milano, 17 giu. (LaPresse/Finanza.com) - Il numero di super ricchi nel mondo e il loro livello di ricchezza toccano nuovi record. Il miglioramento della situazione economica e le performance del mercato azionario hanno contribuito a creare nel corso del 2014 quasi 1 milione (per l'esattezza 920.000) di nuovi milionari a livello globale. I Paperon De' Paperoni, chiamati in gergo finanziario High Net Worth Individual (HNWI), sono cresciuti sia di numero sia di patrimonio, toccando rispettivamente 14,6 milioni di persone e 56.400 miliardi di dollari. Questi i dati emersi dal World Wealth Report 2015, pubblicato oggi da Capgemini e da RBC Wealth Management. "Il 2014 ha segnato il sesto anno consecutivo di crescita per il mercato High Net Worth grazie ai sostenuti ritorni del mercato azionario e alle favorevoli performance dell'economia che hanno permesso un aumento della ricchezza di circa il 7% dopo la crescita a due cifre dell'anno precedente", ha dichiarato George Lewis, group head di RBC Wealth Management & RBC Insurance.

In America i patrimoni più alti, ma è l'Asia a contare più milionariSebbene il Nordamerica continui a guidare la classifica in termini di patrimoni (con 16.200 miliardi di dollari), è l'area dell'Asia-Pacifico a contare il maggior numero di super ricchi rispetto a qualunque altra regione al mondo. "L'Asia-Pacifico ha guidato la crescita della ricchezza quest'anno arrivando a superare di poco il Nordamerica per diventare il nuovo leader in termini di popolazione HNWI - ha sottolineato Lewis - guardando ai prossimi anni ci aspettiamo che l'Europa possa diventare un significativo elemento di impulso dei patrimoni HNWI parallelamente alla sua ripresa economica". In Europa popolazione e patrimoni dei super ricchi sono cresciuti del 4% a causa delle scarse performance economiche e dalla contrazione dei mercati azionari nella maggior parte dei Paesi. Anche l'Italia ha seguito il trend globale di crescita, segnando un +7,7%, raggiungendo i 218.900 di Paperoni nel 2014. Fa da contrasto invece l'America Latina, l'unica regione che nel 2014 ha segnato una diminuzione del numero dei milionari (-2%) e della loro relativa ricchezza (-0,5%) a causa soprattutto della flessione dei prezzi delle commodity e della conseguente debolezza dei mercati azionari. 

Da un punto di vista nazionale, Cina e Stati Uniti hanno contribuito a oltre la metà (52%) della crescita globale della popolazione dei milionari. L'India si è affermata al primo posto per la crescita sia della popolazione dei super ricchi (26%) che della ricchezza (28%) grazie alle effervescenti performance del mercato azionario e alla riduzione dei costi legati alla significativa importazione petrolifera. A seguire la Cina, che ha accresciuto popolazione e patrimoni rispettivamente del 17% e del 19% grazie all'aumento del Pil, al rafforzamento delle esportazioni e alle performance moderatamente positive del suo mercato azionario.

Gli investimenti azionari hanno superato la liquidità come asset preferito dai super ricchi totalizzando il 27% dei portafogli, secondo i risultati del sondaggio Global High Net Worth Insights Survey.

Il mix dei portafogli è allocato su immobili (20%), reddito fisso (16%) e investimenti alternativi (10%). Per le loro scelte di investimento, i milionari si affidano per la maggior parte ai gestori (il 30% di loro), e poi ai familiari (il 27%) e agli amici (il 22%). La loro ricchezza è destinata a raggiungere i 70.000 miliardi di dollari entro il 2017In prospettiva, lo studio prevede che i patrimoni globali di questi ricconi possano aumentare di quasi l'8% annuo dalla fine del 2014 al 2017, arrivando a 70.500 miliardi di dollari. In testa a questa crescita vi sarà l'Asia-Pacifico con un incremento previsto del 10,3%. Con un cambio di rotta rispetto agli ultimi anni ci si attende che l'Europa assuma un maggior ruolo quale motore di crescita dei patrimoni milionari con un tasso dell'8,4% annuo in conseguenza di un rinnovato ottimismo verso una ripresa più sostanziale all'interno della regione. Viceversa, si prevede che i patrimoni dei super ricchi nordamericani cresceranno di un più modesto 7%.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ryanair, voli cancellati in tutta Italia

Ryanair, O'Leary offre di più ai piloti per saltare le ferie

L'a.d. della compagnia mette sul piatto altri 10mila euro. Vuole evitare la cancellazione di oltre 2.000 voli. I consumatori chiedono sanzioni

Bce rivede a rialzo Pil eurozona a +2,2% grazie a migranti

Bce rivede a rialzo Pil eurozona a +2,2% grazie a migranti

"L'aumento della forza lavoro durante è stato trainato dalla partecipazione femminile"

A Ryanair flight is seen at Stansted Airport, northeast of London, Britain

L'Antitrust indaga e i piloti rifiutano l'accordo Ryanair

Il vettore ha anche rifiutato l'incontro con l'Enac

Borsa di Tokyo

Pil Italia, l'Ocse rivede i dati in crescita: +1,4% nel 2017

Stime migliorate dello 0,4% e dello 0,2 nel 2018. Il Pil mondial crescerà del 3,5% nel 2017