Giovedì 01 Giugno 2017 - 14:00

Neonato morto a Torino: lesioni compatibili con la caduta

L'esito dell'autopsia conferma la dinamica del decesso

Neonato morto a Torino: lesioni compatibili con la caduta

Le lesioni sul corpicino del neonato trovato in strada martedì, in via Turati a Settimo Torinese, sono compatibili con una caduta dal secondo piano. E' quanto emerso oggi dall'autopsia del bimbo, partorito lo stesso giorno del decesso, avvenuto nel tragitto verso l'ospedale. I rilievi hanno dato ulteriori indicazioni della dinamica dell'evento. La madre, Valentina Ventura di 34 anni, è in stato di fermo per omicidio volontario aggravato e la convalida dell'arresto, spiegano i carabinieri di Chivasso, dovrebbe arrivare in giornata. Secondo l'accusa la donna avrebbe dato alla luce il figlio nel bagno dell'appartamento al secondo piano di via Turati, in cui vive con il coniuge e la loro bambina piccola, e pochi istanti dopo si sarebbe disfata del neonato. Ricoverata all'ospedale Sant'Anna di Torino, Valentina Ventura sarà trasferita al carcere Le Vallette. Oggi la donna viene ascoltata dalla pm Lea La Monaca della procura della Repubblica di Ivrea, che cercherà di chiarire la dinamica dei fatti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio