Mercoledì 31 Maggio 2017 - 08:30

Neonato morto a Torino: madre ha confessato l'omicidio

Il piccolo era stato trovato per strada a Settimo Torinese

Neonato abbandonato e morto a Torino: la madre 34enne  ha confessato l'omicidio

Nella notte i carabinieri di Chivasso (Torino) hanno eseguito un fermo, disposto dalla Procura di Ivrea, nei confronti di una donna italiana di 34 anni, ritenuta colpevole dell'omicidio aggravato del neonato, partorito nelle prime ore di ieri, morto dopo essere stato abbandonato a Settimo torinese. La donna ha confessato e ammesso le proprie responsabilità, al momento non sono emerse responsabilità di altre persone.

"La donna ha ammesso di aver partorito ma su tutto il resto ha continuato a dire 'non ricordo'. Non è quindi ancora chiara la dinamica". Lo ha dichiarato  il procuratore di  Ivrea, Giuseppe Ferrando, durante la conferenza stampa per il fermo di una donna di 34 anni per il neonato abbandonato in strada a Settimo torinese, in provincia di Torino, e morto poco dopo in ospedale. " "Quando il piccolo è stato trovato in strada - riferisce Ferrando - si è affacciata al balcone anche lei, col marito, guardando quello che stava accadendo". La donna, riferiscono gli inquirenti, non ricorda nemmeno di essersi sbarazzata del piccolo.
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio