Mercoledì 24 Maggio 2017 - 18:00

Nina Moric: Sarò capolista per Casapound, non sono fascista

La modella: il mio slogan sarà 'L'Italia agli italiani'

Nina Moric: Sarò capolista per Casapound, non sono fascista

Certo che mi candiderò. Lo farò con CasaPound. Sarò capolista e il mio slogan sarà: 'L'Italia agli italiani'". Parola della modella Nina Moric ("Di mestiere adesso faccio l'influencer politica. È oggettivamente un lavoro"), che in un'intervista al settimanale OGGI, in edicola da domani, dice: "Nessuno mi ha fatto fuori dalla tv: ho scelto io di allontanarmi. Certo, ogni tanto faccio ancora qualcosa nella moda, ma ritengo più importante, in questo momento, impegnarmi per il mio Paese: sono cittadina italiana dal 2005". E afferma: "Non ha più senso, nel 2017, parlare di fascismo in Italia e aggiungo che io non mi ritengo una fascistaà Ho le mie idee e quando voglio le scrivo in piena liberà. Certo, ogni tanto chiedo consiglio a mio figlio e al mio fidanzato. Ma, comunque, è tutta farina del mio sacco".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Giuseppe Conte arriva alla Camera per le consultazioni

Conte incontra i partiti. Colle: "Problema non sono veti, ma diktat a Mattarella e premier incaricato"

Salvini e Di Maio blindano Savona. Irritazione del Quirinale: "Non si limiti autonomia del presidente del Consiglio"

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi