Martedì 28 Marzo 2017 - 18:45

No Tav, Cassazione rigetta ricorso: A Chiomonte non fu terrorismo

Respinto il ricorso della Procura di Torino

No Tav, Cassazione rigetta ricorso: A Chiomonte non fu terrorismo

La Cassazione, per la terza volta, ha rigettato il ricorso della procura di Torino sull'attacco No Tav al cantiere di Chiomonte nel maggio 2013, non ritenendo dunque che ci sia stata motivazione terroristica. Lo conferma l'avvocato degli attivisti. L'accusa era rivolta in particolare a quattro attivisti Claudio Alberti, Niccolò Blasi, Mattia Zanotti e Chiara Zenobi, che avevano lanciato molotov contro il cantiere e che sono stati condannati a tre anni e sei mesi per altri reati.
"Il connotato terroristico non c'era - commenta con LaPresse Alberto Perino, leader storico dei No Tav -. E' solo il tribunale di Torino che insiste sulla questione e francamente non se ne capisce il motivo. Si fanno del male da soli".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cyber attack warning

Cyberspionaggio, condannati a 4 e 5 anni i fratelli Occhionero

Sono accusati di aver infettato migliaia di pc entrando in possesso di password appartenenti a personaggi di ministeri e istituzioni

Migranti, Open Arms denuncia: "Libia lascia morire donna e bambino in mare". E attacca l'Italia

Salvini replica: "Da ong bugie e insulti, porti italiani chiusi". Quattro persone disperse dopo tuffo dal barcone, fermati gli scafisti

Stupro, "No aggravante se vittima si è ubriacata volutamente": polemiche sulla sentenza della Cassazione

Secondo i giudici, è applicabile solo se i responsabili hanno costretto la persona abusata a bere