Sabato 12 Agosto 2017 - 09:00

Nord Corea, Xi a Trump: Evitare dichiarazioni che aumentano tensioni

Entrambi concordano sul fatto che Pyongyang "debba fermare il suo comportamento provocatorio"

 Nord Corea, Xi a Trump: Evitare dichiarazioni che aumentano tensioni

Il presidente cinese Xi Jinping ha invitato il suo omologo statunitense, Donald Trump, alla "moderazione" per evitare ulteriori tensioni nella penisola coreana, dopo diversi giorni di minacce reciproche tra Washington e Pyongyang. "Le parti coinvolte (in riferimento agli Stati Uniti e Corea del Nord) - ha detto Xi durante un colloquio telefonico con Trump - dovrebbero evitare le dichiarazioni e le azioni che aumentano la tensione". La Cina ha confermato Xi "è disposta a lavorare con il governo degli Stati Uniti per risolvere la questione".

Trump e Xi Jinping hanno concordato "che la Corea del Nord deve fermare il suo comportamento provocatorio e da escalation". La Casa Bianca ha inoltre ribadito che "il rapporto tra i due presidenti è estremamente stretto tanto da auspicare che possa portare a una soluzione pacifica del problema della Corea del Nord".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Vantaggi fiscali illeciti a Ikea. L'Unione Europea indaga sull'Olanda

Due norme fiscali avrebbero favorito il colosso svedese dei mobili nei confronti della concorrenza. Ricavi spostati in Lussemburgo e Lichtenstein

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, raid Israele su obiettivi Hamas in Striscia Gaza

L'attacco in seguito ai razzi lanciati dalla zona palestinese

Libano, tassista confessa: "Ho ucciso la diplomatica britannica". Arrestato

Incastrato dalle riprese delle telecamere di sorveglianza stradali, che hanno filmato la sua auto

Cars are parked at Misurata Central Hospital

Libia, sequestrato e ucciso il sindaco di Misurata

Il corpo abbandonato fuori da un ospedale. I sospetti ricadono sulle milizie e i gruppi islamisti della città