Mercoledì 26 Luglio 2017 - 17:30

Nuoto d'oro. Trionfano Pellegrini e Detti. Bronzo per Paltrinieri

Fantastica rimonta di Federica (settimo podio in 7 mondiali). Primo e terzo i "fratelli" azzurri negli 800 stile libero uomini

Mondiale di nuoto Budapest, Pellegrini oro nei 200 stile libero

Budapest da impazzire. Dopo il fantastico oro di Federica Pellegrini nei 200 stile libero, i ragazzi conquistano oro e bronzo negli 800 stile libero. Questa volta a parti invertite. Tocca a Gabriele Detti salire sul gradino più alto con una grande gara in rimonta battendo il polacco

Wojciech Wojdak. Terzo posto per Gregorio Paltrinieri.

Pellegrini - Una rimonta pazzesca per fare sette su sette. Federica Pellegrini conquista l'oro mondiale dei 200 stile libero per la terza volta dopo Roma 2009 e Shangai 2011  (e per il settimo mondiale consecutivo va sul podio). Nella piscina di Budapest, con una gara capolavoro riesce a rientrare e fulminare negli ultimi dieci metri l'americana Ledecky (favoritissima) e l'australiana Mc Keon che finiscono appaiate sul secondo gradino del podio: 1' 54" 73 il tempo di Federica e 1'55"18 quello delle seconde.

Una gara tutta nelle retrovie, aggrappate alle altre (comprese l'ungherese Kalinka Hosszu e la russa Popova) che per tre lunghe vasche le stanno tranquillamente davanti. Federica oscilla tra il sesto e il quarto posto e, all'inizio degli ultimi 50 metri sembra irrimediabilmente battuta. Invece la ragazza veneta (ormai donna fatta anche nella testa e nel cuore) mette un incredibile turbo fatto di gambe, braccia e testa e il miracolo si compie: si vede Federica che avanza a velocità doppia come se le altre fossero ferme, scoppiate, andate. Ai cinque metri è già davanti, al tocco c'è mezzo secondo di vantaggio. Una cosa incredibile, da strappare il cuore. Federica esulta, si siede sulla corsia e picchia i pugni in acqua. Una gioia indescrivibile. Poi, più calma, appena fuori dall'acqua, dichiara:

"Ora posso dire di essere in pace. Non so cosa è successo. Devo ancora rendermene conto. Non pensavo fosse possibile, ci ho provato fino alla fine e credo di aver fatto una gara proprio precisa". "Nella mia testa - dice ai microfoni della Rai - volevo la medaglia, perchè era importante dall'anno scorso ma mai avrei pensato di vincere. Per me era importante una medaglia, poi nella vita non si sa mai". E poi: "Questi per me sono gli ultimi 200 stile libero. Continuerò a nuotare facendo un altro percorso". Uno dei primi tweet che arriva a Federica è quello del presidente del Coni, Giovanni Malagò:

"Dopo oggi sei la più grande di sempre. Grazie Fede".

E ora, qualche dato tecnico: primi 50 metri in 27"22, passaggio a metà gara in 56"41 (29"19), virata dei 150 in 1'25"91 (29"50) per risalire le posizioni e ultima vasca da 28"82 per superare Ledecky, McKeon e Popova prese di infilata. Pellegrini insieme al tecnico federale Matteo Giunta e al ranista Luca Pizzini ha scelto di finalizzare il lavoro in altura, in Sierra Nevada, e rientrare in Italia alla vigilia della partenza per l'Ungheria. Decisione che si è rivelata vincente. Nelle sei precedenti edizioni era stata seconda a Kazan 2015 con 1'55"32 e Barcellona 2013 con 1'55"14, prima a Shanghai 2011 con 1'55"48 e Roma 2009 col record del mondo di 1'52"98 (gommato), terza a Melbourne 2007 con 1'56"97 (dopo aveva stabilito il record mondo in semifinale con 1'56"57, poi migliorato dalla Manadou in finale con 1'55"52) e seconda a Montreal 2005 con 1'58"73.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Premio Enzo Bearzot a Roma

Olimpiadi 2026, via libera unanime a candidatura da Consiglio Coni

La decisione finale del Cio sulla città che ospiterà i Giochi verrà presa a Buenos Aires in Argentina nel prossimo ottobre

2018 Tour de France Package

Il Tour respinge Froome per la vicenda del doping alla Vuelta del 2017

La decisione al vaglio della Camera arbitrale. Il campione britannico, positivo al salbutamolo, in attesa di giudizio

Torino, ESCP Europe e AWE Sport lanciano corso per aspiranti manager sportivi

Un programma intensivo di tre settimane per accedere ad un settore professionale in grande crescita

Al Camp Nou il Congresso Isokinetic sul tema degli infortuni

In programma dal 2 al 4 giugno. Attesi 220 relatori e circa 3000 iscritti in arrivo da un centinaio di paesi