Mercoledì 08 Novembre 2017 - 21:00

Nuove accuse a Spacey: molestie al figlio 18enne di una anchorwoman

L'attore lo avrebbe fatto ubriacare per poi iniziare a palpeggiarlo

Nuove accuse di molestie sessuali contro Kevin Spacey. La giornalista Heather Unruh, ex conduttrice televisiva, ha tenuto a Boston una conferenza stampa in cui ha accusato l'attore di avere aggredito sessualmente suo figlio, allora 18enne, in un bar di Nantucket, in Massachusetts: secondo il racconto della donna, la star di 'House of Card' avrebbe offerto dell'alcol a suo figlio e, dopo averlo fatto ubriacare, gli avrebbe infilato la mano nelle mutande toccandogli i genitali; poi il ragazzo sarebbe scappato via dal bar quando Spacey era andato in bagno. Secondo Unruh, un'indagine è ora in corso.

LEGGI ANCHE Kevin Spacey e il party selvaggio su uno yacht con 11 ragazzi nel Golfo di Napoli

"Vergogna per ciò che ha fatto a mio figlio. Le sue azioni sono criminali", ha detto la ex anchorwoman in lacrime. Nel riportare la notizia, la Bbc ricorda che era stato un tweet di Heather Unruh, lo scorso 13 ottobre, a dare il via all'ondata di accuse contro Spacey: "Lo #scandaloweinstein mi ha dato coraggio---#tempo di verità. Ero una fan di Kevin Spacey finché non ha aggredito un mio caro", aveva scritto.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FILES-US-CRIME-POLITICS-MANAFORT

Colpevole Paul Manafort, capo della campagna di Trump. Anche il suo avvocato patteggia

Il primo processo del Russiagate. La giuria lo ha considerato colpevole per 8 capi di imputazione su 18

US-POLITICS-COHEN

Usa, ex avvocato Trump accetta accordo di colpevolezza

Le accuse derivano da prestiti ottenuti da Michael Cohen per le compagnie di taxi di New York che possiede

New James Bond film

Danny Boyle non dirigerà il nuovo James Bond: "Divergenze creative"

L'annuncio sul sito ufficiale da parte dei produttori e dello 007 Daniel Craig

US-POLITICS-TRUMP-ICE

Usa, Trump abolisce norme di Obama su emissioni centrali a carbone

I singoli Stati avranno la flessibilità per fissare i propri standard anziché seguire quelli federali