Lunedì 23 Maggio 2016 - 13:15

Omicidio Vannini, si apre il processo alla famiglia Ciontoli

Il 21enne era morto dopo che Antonio Ciontoli, il padre della fidanzata, gli aveva accidentalmente sparato

Omicidio Vannini, si apre il processo alla famiglia Ciontoli

Si è aperto stamane nell'aula prima della Corte d'Assise di Roma, il processo per la morte di Marco Vannini, il 21enne morto a Ladispoli nel maggio dello scorso anno dopo che Antonio Ciontoli, il padre della fidanzata, gli aveva accidentalmente sparato. Per la vicenda l'intera famiglia Ciontoli risponde di omicidio volontario in concorso: oltre ad Antonio sono imputati la moglie, Maria, e i figli Martina (fidanzata della vittima) e Federico. Imputata per omissione di soccorso Viola Giorgini, fidanzata di Federico.

LEGGI ANCHE Caso Vannini, madre Marco: Ciontoli imputati un grande passo

L'udienza si è aperta con la lettura del capo di imputazione e l'acquisizione delle consulenze medico-legali e balistiche. La madre e il padre di Vannini, presenti in aula, hanno ascoltato in silenzio, con gli occhi lucidi, le accuse contro gli imputati nel processo per l'omicidio del figlio. Secondo quanto accertato Vannini è morto quattro ore dopo esser stato colpito dal proiettile sparato da Antonio Ciontoli, militare di carriera, nella villetta dove la famiglia Ciontoli viveva, a Ladispoli. Per il pm della procura di Civitavecchia Alessandra D'Amore, tutti gli imputati "in concorso tra loro hanno ritardato i soccorsi fornendo informazioni scarse e contrastanti" sull'incidente e le condizioni del giovane, provocandone la morte.

La vittima infatti è arrivata in ospedale un'ora e mezzo dopo essere stata colpita alla spalla destra da un proiettile che ha ferito polmone e cuore, quando le sue condizioni erano ormai disperate. Ciontoli, dopo aver sparato al giovane con la pistola che teneva nella scarpiera di casa, ha chiamato i soccorsi due volte, ma non ha detto che il ragazzo era stato colpito da un'arma da fuoco: inoltre nella prima telefonata, arrivata al 118 mezz'ora dopo l'incidente, dopo aver parlato qualche minuto al telefono l'uomo ha attaccato, mentre nella seconda telefonata e' stato detto che il ragazzo si era ferito con un pettine dopo una lite. Secondo l'accusa tutti gli imputati, presenti nella villetta in quelle ore drammatiche hanno contribuito alla morte del giovane.

Il presidente della Corte, Anna Argento, ha aggiornato il processo al 18 luglio.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Allarme bomba in via della Conciliazione a Roma

Roma, truffato due volte in un giorno, fa arrestare tre persone

L'uomo è stato preso di mira con il trucco dello specchietto. La seconda volta, gli hanno portato via tremila euro per i danni a un orologio

Roma, allarme bomba in via della Conciliazione

"C'è una bomba in banca": falso allarme in una filiale vicino San Pietro a Roma

Una telefonata anonima con voce femminile al 112 aveva segnalato la presenza dell'ordigno tra via della Concilazione e via San Pio X

Maratona Race for the Cure

Race for the cure, Roma corre in 'rosa' contro il tumore al seno

I partecipanti alla gara di solidarietà della Capitale hanno superato quelli degli eventi in Usa, dove l'iniziativa è nata

Foto tratta da Twitter

Roma, albero di 20 metri cade in viale delle Milizie e danneggia bus

Le fronde hanno infranto un finestrino posteriore dell'autobus dell'Atac