Martedì 28 Febbraio 2017 - 17:30

Gaffe Oscar, chi aveva la busta stava twittando su Emma Stone

L'addetto avrebbe dato ha ai presentatori Warren Beatty e Faye Dunaway la lettera sbagliata

Oscar, la gaffe dell'annuncio: chi aveva la busta stava twittando

L'errore durante l'annuncio del miglior film agli Oscar? Tutta colpa di un tweet. Secondo quanto riferito da PricewaterhouseCoopers, società che si occupa del sistema di votazione degli Academy Awards, l'addetto alla consegna della busta stava twittando nel backstage poco prima della premiazione e, distratto dai 'cinguettii', ha dato ai presentatori Warren Beatty e Faye Dunaway la lettera sbagliata.

Ma cosa stava twittando di così importante il signor Cullinan? Stando a quanto riportato dal Wall Street Journal e da Tmz, l'addetto aveva postato una immagine di Emma Stone. La foto dell'attrice è stata poi cancellata dal suo profilo Twitter.

"Una volta che si è verificato l'errore, i protocolli per la correzione non sono stati avviati abbastanza rapidamente da Cullinan o dal suo socio", spiega la società. L'errore, infatti, è stato rivelato solo dopo che i produttori e il cast di 'La La Land' erano già sul palco per ringraziare e ritirare l'Oscar.

PwC si è presa la piena responsabilità per l'accaduto e si è scusata con cast e staff di 'La La Land' e 'Moonlight'. "Ci scusiamo con Warren Beatty, Faye Dunaway, Jimmy Kimmel, la ABC, e l'Academy, nessuno dei quali aveva colpe per l'errore", si legge nella dichiarazione. Anche l'Academy si è scusata per l'incidente: "Abbiamo speso la notte scorsa e oggi ad indagare sulla vicenda e per determinare quali azioni siano appropriate per il futuro", si legge in una nota.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

È morto il regista Umberto Lenzi: il papà di Er Monnezza

Regista e sceneggiatore, aveva inventato il personaggio di Er Monnezza

Berlusconi contro Sorrentino: "Il suo film è attacco politico"

L'ex Cav attacca l'ultimo lavoro del regista in cui Toni Servillo veste i suoi panni

Bob Weinstein

Caso Weinstein, anche il fratello Bob accusato di molestie

A parlare è la produttrice televisiva di "The Mist"

Caso Weinstein, il produttore Rosenberg ammette: "Tutti sapevamo ma abbiamo taciuto"

"Siamo rimasti in silenzio perché lui era la gallina dalle uova d'oro, ma ora mi sento complice e mi vergogno"