Domenica 12 Novembre 2017 - 16:45

Ostia, Di Stefano: "Non farei più eventi Casapound con Spada"

Il vicepresidente prende le distanze dall'esponente del clan e spiega: "Due anni fa era incensurato"

Simone Di Stefano ospite a 1/2 ora in più

Roberto Spada "due anni fa era un incensurato e poteva organizzare eventi in piazza con Casapound. Oggi non permetterei di organizzare feste in piazza con lui". Il vicepresidente di Casapound, Simone Di Stefano, ospite di Lucia Annunziata a '1/2h in più' su Rai3, prende le distanze dall'esponente del clan Spada fermato per l'aggressione del giornalista della trasmissione Rai Nemo Daniele Piervincenzi e il filmmaker Edoardo Anselmi davanti alla palestra di Ostia.

Quanto ai rapporti dei dirigenti di Casapound Luca Marsella e Carlotta Chiaraluce con Roberto Spada, Di Stefano dice: "È evidente che ci sia amicizia su facebook tra Carlotta Chiaraluce, Luca Marsella e Roberto Spada. Lo trovo sconveniente. Io non ho rapporti con Spada". Spada e Marsella, dice Di Stefano, "si sono conosciuti in piazza a Ostia durante una festa per bambini organizzata da CasaPound". La palestra di Roberto Spada "è accreditata alla Regione Lazio e al Comune di Roma - dice il vicepresidente di Casapound - e se va bene a Regione e Comune, va bene anche per una festa in piazza. Altrimenti dovreste chiamare in questo studio pure Zingaretti".

Per Spada, il gip ha confermato sabato il fermo, riconoscendo l'aggravante del metodo mafioso nelle lesioni e nella violenza privata.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"