Mercoledì 14 Febbraio 2018 - 00:00

Pagelle, errore Buffon, bene Higuain. Gran giocatore Eriksen

Nella Juve, oltre al Pipita, bene De Sciglio e Benatia.Inglesi con la difesa da brividi. Ma quando hanno la palla loro....

Juventus vs Tottenham - Champions League 2017/2018

Le pagelle di Juventus-Tottenham 2-2, andata degli ottavi di finale di Champions League.

Juventus (4-2-3-1).

Buffon 5: duello all'arma bianca con Kane nel primo tempo, gli dice due volte di no prima di arrendersi. Si fa sorprendere clamorosamente sulla punizione di Eriksen.

De Sciglio 6.5: molto attento in difesa, strepitosa una chiusura su Alli in area. Poco presente a sostegno di Bernardeschi. Prestazione di sostanza.

Benatia 6.5: deputato a chiudere l'ultimo varco sulle incursioni inglesi. Decisivo su un contropiede degli Spurs con Kane lanciato a rete. Preso alle spalle in occasione del gol. Implacabile sulle palle alte, nel finale prova anche a rendersi pericoloso in avanti senza successo.

Chiellini 6: si francobolla a Kane come uno stopper vecchia maniera, nei primi venti minuti il bomber inglese non la vede mai poi sono dolori. Nella ripresa rimonta la guardia e questa volta il bomber inglese viene disinnescato. Commette il fallo su Alli da cui nasce il gol del 2-2.

Alex Sandro 5.5: anche lui molto schiacciato in difesa, a tratti quasi da terzo centrale. Tiene in gioco Kane in occasione del primo gol degli Spurs.

Pjanic 6: primo quarto d'ora da pianista sopraffino, poi si abbassa come tutta la squadra e quando si tratta di difendere va in difficoltà.

Khedira 5: anche lui soffre tremendamente il pressing asfissiante del Tottenham, quasi mai riesce a proporsi come sa. (65' Bentancur 5.5: entra per dare maggior fisicità al centrocampo, non fa la differenza).

Bernardeschi 6: bravo a procurarsi il rigore in avvio, poi è costretto ad un primo tempo di sofferenza. Nella ripresa ha due buone occasioni sul suo sinistro, ma in una delle due viene fermato da un ottimo intervento di Lloris.

Douglas Costa 5.5: il lampo del rigore procurato nel finale di primo tempo è l'unica cosa per cui lo si segnala. Con la Juve presto schiacciata in difesa dopo il 2-0 risulta quasi inutile la sua presenza. Nel finale ancora qualche lampo, ma è troppo poco per meritare la sufficienza. ((92' Asamoah s.v.).

Mandzukic 5.5: aggredisce la difesa del Tottenham in avvio, poi però è costretto anche lui ad arrestare fino a stazionare sulla linea della difesa. In avvio di ripresa si fa male e resta in campo qualche altro minuto per onor di firma prima di alzare bandiera bianca. (75' Sturaro s.v.: forse la sua energia serviva prima).

Higuain 6.5: implacabile a sfruttare le prime due occasioni che gli capitano. Poi si divora il 3-0 in contropiede, perde il pallone da cui nasce il gol di Kane e sbaglia il rigore del possibile 3-1. Nella ripresa lotta su ogni pallone con grande generosità.

All. Allegri 5: dopo una partenza da sogno la sua Juventus si abbassa troppo e concede troppo campo agli avversari. Se in Serie A si può 'campare di rendita' grazie alla differente qualità della rosa, in Europa non è possibile. Il ritorno a Londra sarà complicato, anche se con un Dybala e un Matuidi in più.

Tottenham (4-2-3-1): Lloris 6: si fa sorprendere sul diagonale di Higuain dell'1-0. Freddo a ipnotizzare Higuain sul secondo rigore. Grande parata su Bernardeschi in avvio di ripresa.

Aurier 5: ingenuo il fallo da rigore su Douglas Costa. Quando spinge in avanti è pericoloso grazie alle sue grandi doti fisiche, ma la fase difensiva è da brividi.

Sanchez 5: balla ogni volta che la Juve capita dalle sue parti.

Vertonghen 5.5: come il compagno non dà grande sicurezza. Legnoso e lento nei movimenti.

Davies 5: scomposto l'intervento su Bernardeschi che costa il rigore del 2-0. Ogni volta che viene attaccato dall'esterno viola va in difficoltà, peccato che succede di rado.

Dier 7: polmoni d'acciaio e piedi buoni, guida la riscossa degli Spurs.

Dembelé 6.5: aggredisce con il suo strapotere atletico il reparto avversario. Lamela 6: schierato a sinistra è forse il meno brillante della squadra inglese ma sempre pericoloso. Ancora non al meglio. (86' Lucas Moura s.v.).

Alli 6: si perde Higuain sul primo gol. Ma la difesa non è il suo forte, molto meglio con la palla fra i piedi. Pericolo costante. (82' Son s.v.).

Eriksen 7: trequartista di grande qualità, serve due assist al bacio per Kane. Il secondo il bomber lo trasforma in gol. Fulmina Buffon nella ripresa su punizione. Gran giocatore (nella foto). (92' Wanyama s.v.).

Kane 6.5: Chiellni lo tiene venti minuti, poi si scatena. Prima sciupa una grande occasione con un colpo di testa debole. Poi si vede deviato in angolo da Buffon un velenoso diagonale. Non sbaglia alla terza occasione buona. Nel secondo tempo cala, pericoloso solo con un destro dalla distanza.

All. Pochettino 6.5: il suo Tottenham è una squadra poco inglese e molto europea. Grandi doti di palleggio unita a grande fisicità in mezzo al campo. Se ci fosse maggior qualità e attenzione in difesa, gli Spurs sarebbero davvero dei potenziali candidati alla finale di Kiev.

Scritto da 
  • Antonio Martelli
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Real Madrid v Liverpool - UEFA Champions League - La Finale

Calcio, Ronaldo verso l'addio: "E' stato bello giocare nel Real"

Ma nessuno è in grado di dire dove potrebbe andare. Il presidente Perez: "Si parla sempre di lui, poi non succede nulla"

FBL-EUR-C1-LIVERPOOL-REAL MADRID

Champions League, Real Madrid ancora campione: Bale travolge il Liverpool

I Blancos conquistano la terza Coppa consecutiva: gol di Benzema e doppietta di Bale. salah esce in lacrime per un infortunio provocato da Ramos. I Reds ci provano con Manè ma le papere del portiere Karius incoronano la squadra di Zidane

Finale Champions, Real Madrid v Liverpool

Real Madrid vince la Champions. Liverpool in lacrime perde 3-1

Salah esce per infortunio. Gol di Benzema e doppietta di Bale. Mane pareggia per i Reds ma è tutto inutile

Liverpool v Real Madrid 2018 Champions League Final Package

Salah carico: "La finale di Champions è un sogno, voglio vincere"

L'egiziano si prepara alla sfida con il Real: "Dovremo solo concentrarci e non pensare a nulla del passato"