Martedì 21 Febbraio 2017 - 12:15

Pagina di insulti a Bebe Vio, esposto Codacons contro Facebook

Presentato alle procure di Roma e Venezia per denunciare la mancata chiusura

Pagina di insulti a Bebe Vio, esposto Codacons contro Facebook

 Il Codacons ha presentato un esposto contro Facebook alle procure di Roma e Venezia per denunciare la mancata chiusura di una pagina del social network in cui viene insultata la campionessa paraolimpica Bebe Vio. "Tale pagina inneggiando pratiche violente e sessuali nei riguardi di una disabile, facendo leva sul suo stesso handicap, non rispetta affatto gli standard del sito", ha denunciato l'associazione dei consumatori, "dal momento che attraverso essa vengono veicolati messaggi di incitamento all'odio, al razzismo, alla discriminazione per una disabilità, alla violenza".

Alle segnalazioni degli utenti, gli amministratori del social network avrebbero risposto che la pagina rispetta gli standard previsti e quindi non sarebbe da oscurare. Per questo il Codacons ha chiesto alle procure di Roma e Venezia, alla polizia postale e all'Autorità per le comunicazioni, di "utilizzare ogni strumento investigativo per individuare tutti i soggetti da ritenersi responsabili  e di conseguenza adottare i dovuti ed eventuali provvedimenti sanzionatori".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nibali: Dumoulin si è scusato, Giro duro e difficile

Nibali: Dumoulin si è scusato, Giro duro e difficile

"Siamo ripartiti da capo, il bello è anche questo"

Giro d'Italia, Dumoulin staccato: Quintana nuova maglia rosa

Giro d'Italia, Dumoulin staccato: Quintana nuova maglia rosa

Mikel Vanda ha vinto in solitaria. Vincenzo Nibali terzo in classifica a 43'

Giro d'Italia, Van Garderen vince il tappone dolomitico

Giro d'Italia, Van Garderen vince il tappone dolomitico

L'americano della BMC ha preceduto lo spagnolo Mikel Landa Meana della Astana in uno sprint a due

Carceri, 10 milioni i detenuti nel mondo: il primato degli Usa

Carceri, 10 milioni i detenuti nel mondo: il primato negli Usa

Al secondo posto c'è la Cina, terza la Russia