Domenica 09 Aprile 2017 - 12:30

Papa: Gesù soffre con chi patisce per guerre e terrorismo

Francesco: "Pronfondo cordoglio per le vittime dell'attentato in Egitto"

Papa Francesco

Roma, 9 apr. (LaPresse) - "E questo Gesù, che accetta di essere osannato pur sapendo bene che lo attende il "crucifige!", non ci chiede di contemplarlo soltanto nei quadri o nelle fotografie, oppure nei video che circolano in rete. No. E' presente in tanti nostri fratelli e sorelle che oggi, oggi patiscono sofferenze come Lui: soffrono per un lavoro da schiavi, soffrono per i drammi familiari, per le malattie. Soffrono a causa delle guerre e del terrorismo, a causa degli interessi che muovono le armi e le fanno colpire. Uomini e donne ingannati, violati nella loro dignità, scartatià. Gesù è in loro, in ognuno di loro, e con quel volto sfigurato, con quella voce rotta chiede di essere guardato, di essere riconosciuto, di essere amato. Non è un altro Gesù: è lo stesso". Così Papa Francesco nell'omelia della Domenica delle Palme in piazza San Pietro, esprimento "profondo cordoglio" per le vittime dell'attentato nella chiesa copta in Egitto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"

Olanda, accoltellamento a Maastricht: almeno due morti

Diverse persone ferite nella città al confine tra Belgio e Olanda. Non si sa se si tratta di terrorismo

Francia, treno travolge scuolabus vicino a Perpignan

Francia, scontro treno-scuolabus vicino Perpignan: morti quattro adolescenti

Il pullman che trasportava i ragazzini dal liceo di Millas spaccato a metà nell'impatto, come feriscono alcuni testimoni

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido