Sabato 13 Gennaio 2018 - 20:15

Paura alle Hawaii: "Missile in arrivo". Ma era un falso allarme

"Cercate rifugio immediato. Questa non è un'esercitazione", il testo del messaggio. Poi la smentita

Attimi di paura alle Hawaii dove gli abitanti hanno ricevuto un messaggio di allarme che li avvertiva dell'arrivo imminente di un missile balistico e chiedeva loro di mettersi al riparo. Per fortuna si è trattato di un errore e la minaccia è stata immediatamente smentita dalle autorità. "Minaccia di missile balistico diretto alle Hawaii. Cercate rifugio immediato. Questa non è un'esercitazione", è il testo del messaggio, tutto in stampatello maiuscolo, che gli hawaiiani hanno ricevuto sui loro telefoni. Il dipartimento di polizia di Honolulu ha poi twittato: "Il Punto allarmi statale ha diffuso un'allerta missili per errore! Non c'è minaccia nello Stato delle Hawaii!".

 

 

Loading the player...

In tweet separati, inoltre, il governatore delle Hawaii David Ige e l'agenzia locale di gestione delle emergenze hanno entrambi rassicurato sul fatto che lo Stato non era minacciato da alcun missile balistico, nel contesto internazionale teso a causa delle minacce da parte del regime nordcoreano. In corso un incontro per chiarire le cause dell'accaduto.

 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Vertice a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. Il premier: "Non ci possono lasciare da soli". Fico contro Orban: "Se non vuole le quote deve essere multato"

Unicef, video Beckham per 'Super Dads': "Cos'è per me essere papà"

Il campione di calcio, padre di quattro figli e Goodwill Ambassador, racconta la sua esperienza di genitore: dalla preoccupazione costante alla necessità di essere presente

Trump presenzia a un evento in onore delle madri e spose soldato

Migranti, Onu (e Melania) contro Trump: "Irragionevole separare bambini dalle famiglie"

Anche la first lady critica l'attuale legge sull'immigrazione e fa un appello per una riforma bipartisan

Inaki Urdangarin in tribunale

Spagna, in carcere il cognato del re: condannato per appropriazione indebita

Dovrà scontare cinque anni e dieci mesi di reclusione