Lunedì 10 Aprile 2017 - 12:00

Pd, Orlando: Emiliano assomiglia a Renzi, infatti lo sostenne

E avverte: "Con questa linea il partito va verso la sconfitta"

Pd, Orlando: Emiliano assomiglia a Renzi, infatti lo sostenne

"Emiliano assomiglia per molti aspetti a Renzi, l'idea che un uomo, da solo, grazie alla propria forza e alla propria capacità riesca a risolvere il momento politico è un'idea diffusa e di cui è portatore anche Emiliano, anche se in una scala più locale: non è un caso che Emiliano allo scorso congresso sostenne con grandissimo entusiasmo Renzi". Così Andrea Orlando, ministro della Giustizia e candidato alle Primarie Pd, intervistato a 'Mix 24' di Giovanni Minoli su Radio 24 a proposito del suo avversario, il governatore della Puglia Michele Emiliano.

Orlando ha aggiunto: "Ho scelto di puntare sull'unità del PD e sull'unità del centro sinistra come condizione per non perdere le prossime elezioni. Noi abbiamo una linea che se portata avanti in questo modo rischia di portarci a una sconfitta alle prossime amministrative prima e poi alle politiche".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grasso rinuncia a offerta Pd: Non mi candido presidente della Sicilia

Grasso dice no al Pd: Non mi candido presidente della Sicilia

"Il momento delicato mi impone di rimanere in Senato"

Ballottaggi, si vota in 111 Comuni: 22 capoluoghi

Ballottaggi in 111 Comuni, alle 12 affluenza al 15% in calo di 4 punti sul primo turno

Il centrodestra parte in vantaggio sul centrosinistra, M5S presente solo ad Asti tra i centri maggiori

Camera dei Deputati - Camera ardente di Stefano Rodotà

Rodotà, Gentiloni alla camera ardente: Merita ricordo del Paese

Le parole di Boldrini: "E' stato un vero privilegio lavorare con lui"

Rai, Fico attacca Fazio: E' vergognoso, con aumento di stipendio non scappa più

Rai, Fico: Fazio vergognoso, con aumento stipendio non scappa più

Il presidente della Vigilanza Rai si scaglia contro il conduttore: "Fa il comunista, ma se gli toccano il portafogli..."