Venerdì 30 Giugno 2017 - 10:30

Istat, la pressione fiscale è in crescita: si sale a quota 38,9%

Nel primo trimestre, tuttavia, è salito il reddito disponibile delle famiglie consumatrici, che segna un +1,5%

Pressione fiscale in crescita: si tocca quota 38,9%

Nel primo trimestre del 2017 la pressione fiscale è salita al 38,9%, segnando un aumento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Secondo quanto rileva l'Istat, nello stesso periodo di riferimento il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dell'1,5% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dell'1,3%. Di conseguenza, spiega l'istituto, la propensione al risparmio è stata pari all'8,5%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 4,3%, risultando inferiore di 0,6 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2016. Il saldo primario delle stesse amministrazioni pubbliche è risultato negativo, con un'incidenza sul Pil dello 0,6%, così come è stato negativo il saldo corrente, con un'incidenza sul Pil dell'1,7%.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ryanair, voli cancellati in tutta Italia

Ryanair, O'Leary offre di più ai piloti per saltare le ferie

L'ad mette sul piatto altri 10mila euro. Vuole evitare cancellazione 2.000 voli. Consumatori chiedono sanzioni

Bce rivede a rialzo Pil eurozona a +2,2% grazie a migranti

Bce rivede a rialzo Pil eurozona a +2,2% grazie a migranti

"L'aumento della forza lavoro durante è stato trainato dalla partecipazione femminile"

Borsa di Tokyo

Pil Italia, l'Ocse rivede i dati in crescita: +1,4% nel 2017

Stime migliorate dello 0,4% e dello 0,2 nel 2018. Il Pil mondial crescerà del 3,5% nel 2017

People board a Ryanair flight at Stansted Airport, northeast of London, Britain

Ryanair, proposta ai piloti: "Bonus di 12mila euro se rinunciate alle ferie"

Lettera a comandanti e ufficiali. Si cerca di evitare i tagli dovuti a ritardi e accumuli di vacanze non godute. I voli cancellati