Venerdì 30 Giugno 2017 - 10:30

Istat, la pressione fiscale è in crescita: si sale a quota 38,9%

Nel primo trimestre, tuttavia, è salito il reddito disponibile delle famiglie consumatrici, che segna un +1,5%

Pressione fiscale in crescita: si tocca quota 38,9%

Nel primo trimestre del 2017 la pressione fiscale è salita al 38,9%, segnando un aumento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Secondo quanto rileva l'Istat, nello stesso periodo di riferimento il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dell'1,5% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dell'1,3%. Di conseguenza, spiega l'istituto, la propensione al risparmio è stata pari all'8,5%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 4,3%, risultando inferiore di 0,6 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2016. Il saldo primario delle stesse amministrazioni pubbliche è risultato negativo, con un'incidenza sul Pil dello 0,6%, così come è stato negativo il saldo corrente, con un'incidenza sul Pil dell'1,7%.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto