Giovedì 07 Dicembre 2017 - 13:45

Prodi: "Pisapia non si è dimesso. Mancavano le motivazioni"

Per l'ex leader dell'Ulivo la questione dell'unità del centrosinistra non è ancora chiusa: "Si tenterà di nuovo"

Presentazione del libro "Nell'anima della Cina"

"Pisapia non si è dimesso, ha constatato che non c'erano motivazioni sufficienti per andare avanti". Romano Prodi analizza la vicenda del centrosinistra e la decisione dell'ex sindaco di Milano a chiudere sul nascere l'esperienza di "Campo Progressista", parlando a Roma, alla "Nuvola" di Fuksas in occasione della prima giornata di "Più libri, più liberi". Secondo l'ex premier dei tempi dell'Ulivo, la storia non è chiusa e c'è ancora tempo per ricompattare il centrosinistra. "Si tenterà di nuovo - ha detto Prodi - perché serve al Paese. Giuliano Pisapia ci ha provato, ha esplorato e non ha trovato o in se stesso o nel gruppo di riferimento le motivazioni sufficienti per andare avanti".

Una difficoltà che Prodi vede anche dall'altra parte della barricata: "La stessa crisi nella ricomposizione del disegno politico ce l'ha la destra". "D'altra parte, ragazzi, il problema qui è che bisognerebbe ricominciare daccapo. Quando io sono entrato in politica non è che abbia inventato gran che, però c'era un disegno molto preciso delle cose e dei contenuti da mettere insieme. Con me c'era un disegno preciso delle cose e dei contenuti da mettere insieme. Poi ovviamente il Paese brucia tutto, ti fa la critica perché è un programma di 400 pagine... Dopo di che ti arriva il programma di 140 lettere ma non è che sia più soddisfacente di quello che c'era".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Università Angelicum. Paolo Gentiloni incontra gli elettori

Embraco, Calenda sui fondi alla Slovacchia: 'Così non è mercato'

Intervista al ministro per "Upday for Samsung": "Delle buone intenzioni della Ue non me ne faccio niente. Verificare se sono stati usati per attrarre aziende

Messa in occasione dei 50 anni della Comunità di Sant'Egidio.

Ema, Tajani scrive a Juncker: "Chiesti tutti i dettagli dell'offerta olandese"

Necessari "per permettere al Parlamento di deliberare sulla questione in modo significativo e informato"

Gentiloni scrive a suoi elettori: "Non fidatevi delle promesse mirabolanti"

Il premier veste i panni del candidato e in una lettera si rivolge ai suoi concittadini

Lettera con proiettile e minacce al candidato M5s in Calabria

Nel pacchetto un messaggio intimidatorio: 'Mo' vidi mo a funisci', 'ora vedi di smetterla'