Giovedì 07 Dicembre 2017 - 13:45

Prodi: "Pisapia non si è dimesso. Mancavano le motivazioni"

Per l'ex leader dell'Ulivo la questione dell'unità del centrosinistra non è ancora chiusa: "Si tenterà di nuovo"

Presentazione del libro "Nell'anima della Cina"

"Pisapia non si è dimesso, ha constatato che non c'erano motivazioni sufficienti per andare avanti". Romano Prodi analizza la vicenda del centrosinistra e la decisione dell'ex sindaco di Milano a chiudere sul nascere l'esperienza di "Campo Progressista", parlando a Roma, alla "Nuvola" di Fuksas in occasione della prima giornata di "Più libri, più liberi". Secondo l'ex premier dei tempi dell'Ulivo, la storia non è chiusa e c'è ancora tempo per ricompattare il centrosinistra. "Si tenterà di nuovo - ha detto Prodi - perché serve al Paese. Giuliano Pisapia ci ha provato, ha esplorato e non ha trovato o in se stesso o nel gruppo di riferimento le motivazioni sufficienti per andare avanti".

Una difficoltà che Prodi vede anche dall'altra parte della barricata: "La stessa crisi nella ricomposizione del disegno politico ce l'ha la destra". "D'altra parte, ragazzi, il problema qui è che bisognerebbe ricominciare daccapo. Quando io sono entrato in politica non è che abbia inventato gran che, però c'era un disegno molto preciso delle cose e dei contenuti da mettere insieme. Con me c'era un disegno preciso delle cose e dei contenuti da mettere insieme. Poi ovviamente il Paese brucia tutto, ti fa la critica perché è un programma di 400 pagine... Dopo di che ti arriva il programma di 140 lettere ma non è che sia più soddisfacente di quello che c'era".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Riapertura del passaggio di collegamento tra il Collegio Romano e la Chiesa di San Ignazio

Via al piano istruzione 0-6 anni. Fedeli: "È svolta culturale"

Lo scopo è aumentare i servizi e sostenere i genitori, per dare alle bambine e ai bambini maggiori opportunità di accesso a un'istruzione di qualità fin dalla nascita

Rimini, congresso fondativo di "Sinistra Italiana"

Leu, Civati: "Foglioline? Noi siamo femministi nella sostanza"

Al nuovo partito potrebbe unirsi anche Laura Boldrini

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini