Lunedì 12 Febbraio 2018 - 18:30

PyeongChang 2018, il team Coree unite di hockey candidato al Nobel per la Pace

Sono due anni che movimenti per la promozione di azioni di dialogo, e non persone fisiche, ricevono il riconoscimento per il proprio impegno

IHOCKEY-OLY-2018-PYEONGCHANG-TRAINING-KOR-PRK

Sembrava impossibile fino a qualche mese fa. Ma sforzi diplomatici, giochi di forza e colloqui informali durati mesi potrebbero portare direttamente a Oslo. Dopo il Quartetto per il dialogo nazionale tunisino e l'accordo sul nucleare iraniano anche la squadra unita di hockey delle due Coree potrebbe ricevere il premio Nobel per la Pace.

Sono due anni che movimenti nazionali per la promozione di azioni di dialogo, e non persone fisiche, ricevono il riconoscimento per il proprio impegno. Un segnale politico da parte dell'Accademia di Oslo che Angela Ruggiero, quattro volte campionessa del mondo di hockey su ghiaccio e medaglia d'oro olimpica, ha pensato di sfruttare. Quale messaggio migliore contro la politica della forza, e dell'isolamento, adottata negli ultimi mesi dal presidente americano Donald Trump se non la candidatura di un evento che il vicepresidente Usa ha volutamente ignorato?

"Mi piacerebbe che la squadra ottenesse il premio", ha dichiarato Ruggiero, che è anche membro del consiglio esecutivo del Cio, il giorno dopo l'esordio del team coreano unificato alle Olimpiadi di Pyeongchang. "Seriamente - ha aggiunto - sarebbe qualcosa che va a riconoscere il sacrificio fatto dalle atlete per adeguare le loro prestazioni". Non è una figura politica ma anche Ung Chang, unico membro nordcoreano del Comitato internazionale olimpico, ha appoggiato la proposta. Il Nobel per la Pace alla squadra coreana di hockey femminile "sarebbe davvero una buona idea, splendida". Arrivato a Casa Italia, quartier generale degli azzurri ai Giochi olimpici di PyeongChang, insieme al membro Cio italiano, Mario Pescante, Chang ha cercato di dare un volto umano a un regime che ha inviato al Sud solerti funzionari vestiti di nero e occhiali scuri che seguono passo passo ogni atleta e ogni membro della delegazione.

"In questi Giochi di PyeongChang abbiamo visto la squadra coreana unita nell'hockey su ghiaccio e io spero che questa cosa si possa estendere, perché le Olimpiadi e lo sport superano qualunque differenza tra di noi. Lo sport, ma anche l'arte, la danza e la musica superano la politica", ha aggiunto incalzato da domande sul significato di due Paesi 'nemici' che decidono di unire le proprie squadre sotto una sola bandiera dopo 65 anni di rapporti interrotti.

Secondo Chang, ex campione di basket nordcoreano "la politica e lo sport sono ancora lontani, il primo team unificato risale al 1991, nel tennis da tavolo ai Mondiali. Ma poi successivamente le differenze politiche non lo hanno reso possibile in altre occasioni. Io sono un uomo di sport e dico che tra lo spirito olimpico e la politica ci sono ancora dei divari". Ovviamente, il percorso verso la candidatura non è cosi semplice e, nonostante gli appelli di personalità famose, non è detto che il Comitato deciderà di prendere posizione su una faccenda che crea divisioni anche in termini di alleanze. Il gelo di questi giorni tra Washington e Seul non è passato infatti inosservato. 

Kim Jong Un - Anche dal leader nordcoreano, Kim Jong Un arrivano commenti positivi sulla "distensione olimpica". Kim ha elogiato l'accoglienza che il Sud ha dato alla sorella e ha parlato di un momento importante per il dialogo nella penisola. Kim Yo Jong, sorella di Kim e tra i suoi più stretti confidenti, è parte della delegazione che è stata inviata ai Giochi. La donna ha consegnato al presidente sudcoreano, Moon Jae-in, un invito a un summit in Pyongyang, che Moon non ha accettato subito, dicendo invece che perché la visita possa realizzarsi sono necessarie "le giuste condizioni".

Kim ha incontrato la delegazione nordcoreana lunedì, dopo che essa è tornata in Corea del Nord, ha riferito l'agenzia Kcna. Ha anche citato indirettamente Kim, secondo cui è importante rafforzare "il tiepido clima di riconciliazione e dialogo" creato dalle Olimpiadi (sebbene per mesi il Nord avesse rifiutato di dire se avrebbe partecipato). Ringraziando Seul per i suoi "sinceri sforzi", ha anche definito "notevoli" i rappresentanti sudcoreani.

 

Scritto da 
  • dall'inviata Valentina Innocente
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Olimpiadi di Pyeongchang: Carolina Kostner

PyeongChang 2018: a 15 anni Zagitova batte record, Kostner è sesta: "La gara resta aperta"

Fuori invece Giada Russo che ha concluso l'esercizio al 27° posto

Sofia Goggia vince l'oro nella discesa alle Olimpiadi

Fantastica Sofia Goggia. È oro storico nella discesa libera olimpica

Battute Mowinckel e Vonn. Terzo trionfo (tutte donne) e nona medaglia azzurra: "Io pasticciona, oggi samurai"

XXIII Giochi olimpici invernali - Short track 3000 m Staffetta D - Argento per le azzurre

Argento e bronzo dalle staffette azzurre dello Short Track e del Biathlon

Benissimo le ragazze di Arianna Fontana in una finale con cadute e squalifiche. Bene le donne e grande Windisch nello scia e spara