Domenica 25 Febbraio 2018 - 15:15

PyeongChang 2018, si chiudono le 'Olimpiadi della pace'. Ma il dialogo continua

Dopo la tregua olimpica il sogno della riunificazione diventerà realtà?

Sullo stadio olimpico si spegne la fiaccola. Viene issata la bandiera della Cina. Ora le Olimpiadi invernali si congedano ufficialmente dalla Corea del Sud dopo 17 giorni di gare e di eventi. Addio PyeongChang, arrivederci a Pechino nel 2022.

Le 'Olimpiadi della pace' si sono concluse sotto gli occhi dei tre attori principali: seduti nello stesso palco il presidente del Sud, Moon Jae-in, l'alleato americano rappresentato dalla figlia del presidente Trump, Ivanka, e una nutrita delegazione di alti funzionari del Nord. Strette di mano a suggellare ciò che tutti attendono: che "il tempo di pace", vissuto in questa sorta di tregua olimpica, continui. "I Giochi sono un omaggio al passato e un atto di fede verso il futuro. Continueremo con il dialogo di pace anche quando la fiamma olimpica sarà spenta", promette il presidente del Cio Thomas Bach. Si guarda a nuovi orizzonti, 'the next wave", come il titolo della cerimonia.

Una nuova avventura che porta a rompere le convenzioni e sfidare se stessi per raggiungere maggiori traguardi. I Giochi olimpici sono giunti alla fine, ma c'è una nuova sfida per tutti. Lo sanno bene i vari Moon, Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un. "I Giochi hanno dato agli atleti provenienti dalla Corea del Sud e del Nord l'opportunità di diventare amici - ricorda il presidente del Sud - Qui a PyeongChang, tutti hanno assistito alla nascita della pace; ogni passo compiuto prima e durante i Giochi ci ha avvicinato alla sua realizzazione".

Ed è il potere unificante dello sport, come precisa Bach: per la prima volta dall'armistizio siglato nel 1953 le due Coree hanno avuto un reale, significativo riavvicinamento. Le diplomazie hanno lavorato costantemente in questi 17 giorni: prima la squadra dei hockey unificata, poi la sfilata sotto un'unica bandiera. E ancor la presenza della sorella del leader del Nord, le strette di mano e l'invito a  Pyongyang. Quello che sembrava impossibile fino a due mesi fa, le temperature polari e il ghiaccio lo hanno reso concreto: il disgelo tra le Coree e un passo avanti verso il sogno della riunificazione. "Sono state grandi Olimpiadi per il messaggio che hanno saputo veicolare, le due Coree sono tornate a parlarsi attraverso lo sport: ora tocca ai politici fare il resto", commenta il numero uno del Cio.

Dentro lo stadio, tra fuochi d'artificio e musica dance hanno sfilato quel che è rimasto degli atleti: l'Italia con Arianna Fontana e le sue tre medaglie al collo, portata in trionfo dai pattinatori Lanotte e Hotareck. E Carolina Kostner, portabandiera a chiudere il cerchio tracciato da Torino 2006. Le due Coree questa volta hanno ognuna il suo alfiere e la sua bandiera. E poi c'è la Russia, ancora una volta neutrale nei colori dell'Oar, simbolo dello scandalo del doping: gli atleti sfilano con in mano qualche bandiera nazionale ma i colori sono banditi.

Cala il sipario, gli attori ora restano: il Nord si è detto disposto a un dialogo con gli Stati Uniti. Seul punta su questo. Un'altra pagina verrà aperta al termine delle Paralimpiadi, quando terminerà la tregua olimpica. Allora si saprà se il sogno di pace può davvero diventare realtà.

Loading the player...
Scritto da 
  • dall'inviata Valentina Innocente
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

PIAZZA DEL POPOLO - MANIFESTAZIONE ORGANIZZATA DALL'ULIVO CONTRO LA GUERRA IN IRAQ

Gli Usa lasciano il consiglio diritti umani dell'Onu: "Ipocrita con Israele"

L'annuncio all'assemblea dove è stato criticato il comportamento americano con gli immigrati dal Messico

Merkel vede Macron: "Impegno per bilancio comune dell'Eurozona"

E sui migranti il presidente francese ribadisce: "Risposta europea alla sfida e più solidarietà"

Donald Trump si incontra con la National Space Council alla Casa Bianca

Migranti, Trump: "Arrestare sempre chi entra illegalmente negli Usa"

Nuovo attacco del presidente nel pieno della polemica sui bimbi separati dalle famiglie

Golf, riapre il Circolo Sestrieres: più di 30 gare in calendario

Il 23 giugno l'inaugurazione della stagione estiva