Martedì 16 Maggio 2017 - 20:00

Sindaca Raggi contestata da CasaPound a Roma / VIDEO

La sindaca interveniva sullo studio di fattibilità sulla funivia Casalotti-Battistini

Contestazione di CasaPound durante la conferenza stampa sul progetto della funivia Casalotti Battistini

Virginia Raggi è costretta a lasciare la conferenza stampa sui risultati della prima fase dello studio di fattibilità sulla funivia Casalotti-Battistini a Roma, contestata aspramente da una quarantina di rappresentanti di CasaPound. La situazione è tornata alla normalità e la sindaca di Roma, Virginia Raggi, è potuta tornare in conferenza stampa.

Gli attivisti hanno cercato di forzare il cordone delle forze dell'ordine e di srotolare uno striscione ma sono stati bloccati e successivamente si sono allontanati dalla sede del Municipio XIII sulla Via Aurelia dove è in corso la conferenza. Una volta rientrata nella sala consiliare del Municipio la Raggi ha commentato l'accaduto con un 'Ci riproviamo". "E' un progetto importante che siamo felici di presentare con i cittadini ma tutto va fatto in condizioni di sicurezza e prima non c'erano", ha aggiunto.
 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nicolina si poteva salvare. La madre aveva denunciato l'omicida

La tragedia di Ischitella. La donna aveva presentato diversi esposti, ma nulla era successo. Il ministro Orlando annuncia verifiche

Meteo, torna l'alta pressione: sole e temperature in rialzo

Meteo, torna l'alta pressione: sole e temperature in rialzo

Le previsioni da oggi, 21 settembre, al fine settimana

Papa Francesco nell'Udienza Generale del mercoledì

Pedofilia, tolleranza zero Bergoglio: "Chiesa in ritardo, mai grazia"

Francesco ha incontrato anche la Commissione Antimafia italiana parlando di corruzione, e tutela dei testimoni

Cyberspionaggio, pm Albamonte indagato dopo esposto Occhionero

Cyberspionaggio, pm Albamonte indagato dopo esposto Occhionero

Nel fascicolo aperto, come atto dovuto, insieme al magistrato anche due funzionari della polizia postale