Lunedì 20 Marzo 2017 - 10:15

Rai, bufera su cartello sessista. Fabiano si scusa: È stato errore

Durante 'Parliamone sabato' è andata in onda una grafica in cui si elencavano i pregi delle 'donne dell'est'

Rai, bufera su cartello sessista. Fabiano si scusa

 "Gli errori vanno riconosciuti sempre, senza se e senza ma. Chiedo scusa a tutti per quanto visto e sentito a #Parliamonesabato". Così in un tweet il direttore di Rai1 Andrea Fabiano si scusa per quanto accaduto sabato nel programma condotto da Paola Perego. Durante 'Parliamone sabato' è infatti andato in onda un servizio che ha scatenato grandi polemiche: in una grafica si elencavano i pregi delle "donne dell'est" e i motivi per cui sceglierle come fidanzate. Fra gli altri, erano elencati: perdonano il tradimento, sono disposte a far comandare il loro uomo e sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa.

LEGGI ANCHE Fornaro e Gotor (Mdp): Scuse per 'Parliamone sabato' non bastano

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rai, Costanzo: Ai piani alti inferno di cristallo, non farei dg manco morto

Rai, Costanzo: Ai piani alti inferno di cristallo, non farei dg manco morto

"Campo dall'Orto? Lo conoscevo bene quando lavorava a Canale5, ed era una persona gentile e intelligente"

Fico contro Insinna dopo i fuorionda: Superato limite della decenza

Fico contro Insinna: Con fuorionda superato limite della decenza

Il conduttore è al centro della polemica dopo aver insultato i concorrenti di 'Affari tuoi'

Vespa scrive al cda Rai: Sono un artista, no a tagli compenso

Vespa scrive al cda Rai: Sono un artista, no a tagli compenso

E il M5S va all'attacco: "Non fa informazione, valutare chiusura di Porta a Porta"

Monica Setta intervista Loredana Lecciso e Rita dalla Chiesa su 'F'

Monica Setta intervista Loredana Lecciso e Rita dalla Chiesa su 'F'

“Le nostre storie somigliano a quelle di chi ci chiama. Abbiamo tutte lo stesso approccio ai problemi, vogliamo tutte trovare il nostro posto nel mondo”