Lunedì 24 Aprile 2017 - 18:30

Referendum su Alitalia, vince il 'no': bocciato il piano aziendale

Vertice a Palazzo Chigi tra Gentiloni, Calenda e Delrio. Alta la partecipazione al voto, con un'affluenza vicina al 90%

Referendum su Alitalia, a Milano e Roma vince il 'no': bocciato il piano aziendale

A Linate ci sono stati 698 no e 153 sì, a Malpensa 238 no e 39 sì. Questi i risultati definitivi che arrivano da Milano sul referendum Alitalia. Il trend milanese è quindi quello di una netta bocciatura del piano aziendale che prevede esuberi e taglio degli stipendi. A Malpensa registrate anche 2 schede bianche e 2 schede nulle. Anche Fiumicino vince il 'no'. Alla conclusione dello spoglio dei voti contenuti nella prima urna, relativa al personale navigante, sono 1440 i no e 156 i sì.

Al referendum, riferiscono fonti sindacali, avrebbero partecipato quasi 9 dipendenti ogni 10. Per il momento la percentuale dell'87% è una stima, non un dato ufficiale. Nel frattempo il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha  presieduto un vertice su Alitalia con il ministro dei Trasporti Graziano Delrio e il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ryanair, voli cancellati in tutta Italia

Ryanair, O'Leary offre di più ai piloti per saltare le ferie

L'ad mette sul piatto altri 10mila euro. Vuole evitare cancellazione 2.000 voli. Consumatori chiedono sanzioni

Bce rivede a rialzo Pil eurozona a +2,2% grazie a migranti

Bce rivede a rialzo Pil eurozona a +2,2% grazie a migranti

"L'aumento della forza lavoro durante è stato trainato dalla partecipazione femminile"

Borsa di Tokyo

Pil Italia, l'Ocse rivede i dati in crescita: +1,4% nel 2017

Stime migliorate dello 0,4% e dello 0,2 nel 2018. Il Pil mondial crescerà del 3,5% nel 2017

People board a Ryanair flight at Stansted Airport, northeast of London, Britain

Ryanair, proposta ai piloti: "Bonus di 12mila euro se rinunciate alle ferie"

Lettera a comandanti e ufficiali. Si cerca di evitare i tagli dovuti a ritardi e accumuli di vacanze non godute. I voli cancellati