Mercoledì 21 Marzo 2018 - 17:00

Rete in rivolta, impazza #DeleteFacebook: si unisce anche co-founder WhatsApp

Moltissimi utenti protestano per la manipolazione messa in pratica da Facebook dopo le rivelazione su Cambridge Analytica

FILES-BRITAIN-US-INTERNET-POLITICS-MEDIA

Il mondo si sta ribellando. È in corso una rivolta digitale di moltissimi utenti che protestano per la manipolazione messa in pratica da Facebook dopo le rivelazione su Cambridge Analytica. #DeleteFacebook è l'hashtag del momento e anche Brian Acton, co-founder di WhatsApp si è unito alla campagna.

"È giunto il momento di abbandonare Facebook", ha scritto Acton sul suo profilo Twitter. Il tweet ha riscosso apprezzamento: in 11 ore ha raccolto 9mila like, 600 commenti ed è stato condiviso oltre 4mila volte. Per Acton, che nel 2014 insieme all'altro cofondatore Jan Koum ha venduto WhatsApp a Facebook per 19 miliardi di dollari, la privacy sembra essere un tema importante. Solo qualche mese fa Acton ha investito 50 milioni di dollari in Signal, app di messaggistica indipendente e alternativa a WhatsApp.

Non è il primo ex executive di Facebook ad attaccare il colosso. L'ex responsabile della crescita del gruppo Chamath Palihapitiya ha attaccato Facebook di recente: "Abbiamo creato uno strumento che sta distruggendo il tessuto sociale di come la nostra società funziona". L'elenco va da uno dei primi investitori della rete sociale, Roger McNamee, secondo il quale il social ha alterato le menti a colpi di disinformazione, fino a Sean Parker, presidente di Facebook agli esordi, che ha denunciato come i social media "approfittino delle vulnerabilità della psicologia umana" e creino dipendenza. In queste ore è diventato virale anche hashtag boycottfacebook. 
 

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Senato. Commissione Finanze e Tesoro, audizione del Ministro Tria

Tria: "Reddito cittadinanza sarà trasformazione di altri strumenti di welfare"

Il ministro dell'Economia prudente sui tempi di attuazione delle riforme del contratto di governo

FILES-GERMANY-AUTOMOBILE-OPEL

Dieselgate, si indaga su Opel in Germania

Non si spegne il caso dei motori truccati per falsare i dati sulle emissioni dei diesel, che ha coinvolto Volkswagen

Melfi, gli stabilimenti FCA

Fca, sindacati: "Sciopero su Ronaldo non ha nulla a che fare con lavoro"

I sindacati Fim, Uilm, Fismic e Ugl, in merito allo sciopero indetto dall'Usb per protestare contro l'acquisto del calciatore da parte della Juventus

Editoria, Montan nuovo amministratore delegato e direttore Athesis

Succede all'Ing. Alessandro Zelger alla guida del Gruppo da 25 anni