Mercoledì 17 Maggio 2017 - 12:30

Riforme, Padoan: Se non danno risultati vanno corrette

"Questo aggiustamento non può essere frutto di un pezzo ma di tutta l'amministrazione"

Riforme, Padoan: Se non danno risultati vanno corrette

"Se le riforme funzionano danno risultati, dopo un po' si vede che le norme introdotte dal punto di vista strutturale erano giuste, se non ci sono risultati bisogna avere la franchezza di tornare alla lavagna e correggerle". Così il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan intervento alla giornata del Fisco. "Questo aggiustamento non può essere frutto di un pezzo ma di tutta l'amministrazione, ed è frutto del dialogo tra stato e imprese e cittadini", ha aggiunto.

Le riforme strutturali, ha spiegato Padoan, "sono uno degli elementi portanti della politica del governo, sono cose strane: hanno un impatto molto forte quando vengono approvate, poi si dimenticano, poi vengono attaccate e poi dopo un po' i risultati cominciamo a vedersi dimostrando che erano giuste soprattutto se implementate bene". L'implementazione, ha aggiunto, "dà suggerimenti sucome correggere l'implementazione stessa o come tornare indietro se necessario, perché le riforme sono qualcosa di vivo".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piantumazione alberi - Biblioteca degli alberi Porta Nuova

La assunzioni salgono del 20,1%, ma ancora a tempo determinato

Positivi i dati dell'Inps sul lavoro nei primi nove mesi 2017. Il saldo positivo tra assunzioni e cessazioni è di 721 mila. Balzo del lavoro a chiamata

Ecofin, riunione dei ministri delle finanze dell'Unione europea in Lussemburgo

Bilancio, la lettera della Ue. Italia rimandata a maggio

La Commissione europea invita a non annacquare le misure chiave. "Evitare passi indietro sulle pensioni. Attuare la Fornero"

Risultati candidatura ema milano

Ema, polemiche dopo la sconfitta. Maroni: "C'è stata scorrettezza"

L'Agenzia del Farmaco finita ad Amsterdam per sorteggio. Il governatore lombardo: "Gentiloni e Alfano potevano farsi vedere". Tutti contro il sistema di decisione

Sede Ema, oggi il verdetto

Agenzia del farmaco, il sorteggio decide per Amsterdam

La terza votazione è finita 13 a 13. Milano sfortunata nell'estrazione. Vola via un indotto da 1,7 miliardi all'anno. Gentiloni: "Che beffa!"