Mercoledì 17 Maggio 2017 - 12:30

Riforme, Padoan: Se non danno risultati vanno corrette

"Questo aggiustamento non può essere frutto di un pezzo ma di tutta l'amministrazione"

Riforme, Padoan: Se non danno risultati vanno corrette

"Se le riforme funzionano danno risultati, dopo un po' si vede che le norme introdotte dal punto di vista strutturale erano giuste, se non ci sono risultati bisogna avere la franchezza di tornare alla lavagna e correggerle". Così il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan intervento alla giornata del Fisco. "Questo aggiustamento non può essere frutto di un pezzo ma di tutta l'amministrazione, ed è frutto del dialogo tra stato e imprese e cittadini", ha aggiunto.

Le riforme strutturali, ha spiegato Padoan, "sono uno degli elementi portanti della politica del governo, sono cose strane: hanno un impatto molto forte quando vengono approvate, poi si dimenticano, poi vengono attaccate e poi dopo un po' i risultati cominciamo a vedersi dimostrando che erano giuste soprattutto se implementate bene". L'implementazione, ha aggiunto, "dà suggerimenti sucome correggere l'implementazione stessa o come tornare indietro se necessario, perché le riforme sono qualcosa di vivo".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Stime Pil 2017: +1,1 al Sud, +1,4 al Nord. Al Mezzogiorno livelli di povertà altissimi

Le anticipazioni del rapporto Svimez sulle Regioni presentate venerdì a Roma

Workshop del Consiglio per le Relazioni Italia-Usa

Fca, record utile e investor day. Marchionne: stessi tempi uscita

L'amministratore delegato.di Fca annuncia la presentazione di un piano industriale per il 2018-2022

Brussels, riunione ministri delle finanze EU

Giovani, crescita, meno tasse: ricetta Padoan per bilancio 2018

Il ministro dell'Economia spiega i punti principali della norma per l'anno 2018

Unicredit bank logo is seen in the old city centre of Siena

Attacco hacker contro Unicredit, password clienti non a rischio

Una prima violazione sembra essere avvenuta nei mesi di settembre e ottobre 2016, mentre è stata appena individuata una seconda intrusione avvenuta nei mesi di giugno e luglio 2017