Martedì 13 Febbraio 2018 - 11:15

Rimborsi, M5S, Pizzarotti: "Vogliono lotta all'evasione e non sanno controllare conti"

Il sindaco di Parma sulla vicenda che agita il Movimento: "Grave che siano proprio i 'caporali' ad aver falsificato le rendicontazioni. Ormai è il partito di Di Maio"

Parma, Federico Pizzarotti vince le elezioni comunali 2017

Non fa giri di parole, su alcune questioni non dà adito a dubbi, e, di una cosa è sicuro: alle prossime elezioni non voterà il Movimento Cinque Stelle. Federico Pizzarotti, sindaco di Parma e fuoriuscito o meglio, come dice lui, "accompagnato alla porta", ha parlato dell'ultima polemica che sta coinvolgendo il suo ex partito alle prese con 'scrocconi', rimborsi e massoni.

"Promettono lotta all'evasione e poi non riescono a controllare i rendiconti di cento parlamentari - ha commentato - Che ci fosse poco controllo nei rimborsi era noto spesso le rendicontazioni sono state usate in maniera strumentale. Quello che trovo grave è che siano proprio i 'caporali', quelli più visibili in tv, ad aver falsificato le rendicontazioni". Sulle possibili capacità di governo, il primo cittadini ha affermato: "Saranno il primo partito ma non credo abbia i numeri. E non credo neanche che siano un pericolo: sono molto più preoccupato di Trump e Berlusconi che ha fatto per 20 anni i suoi comodi. Casomai saranno immobili, come si vede a Roma".

Pizzarotti, comunque riconosce che il Movimento non è più quello di prima. "Il Movimento è già morto da tempo, ora tante persone lo chiamano 'il partito di Di Maio'. Quando è scomparso Casaleggio ha perso la persona che dava la linea, il programma e la visione. Grillo si è allontanato da tempo, per stanchezza. Il M5s è diventato un'altra cosa. Anche le persone sono diverse".

Secondo Pizzarotti Di Maio ha la stoffa del leader: "Ha scalato un movimento che non era scalabile. Ma fare il premier è un'altra cosa, forse servirebbe maturare un'esperienza di tipo gestionale in altri ambiti". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, dopo Di Maio e Salvini, Conte al Colle ma M5s e Lega insistono su Savona

Il premier a sciogliere la riserva, i leader hanno visto separatamente Mattarella. L'economista. "Voglio Europa più forte ed equa"

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, Da Tardelli a Savona è un economista il nuovo incubo dei tedeschi

I giornali di Berlino contro l'uomo indicato da Lega e M5S al ministero dell'Economia. Il motivo: le sue posizioni sull'euro

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, Salvini: "O si parte o non tratto più". Di Maio: "Chiudere in 24 ore"

Polemiche su Paolo Savona all'Economia. Macron chiama Conte