Martedì 31 Ottobre 2017 - 15:45

Rodin in mostra a Treviso, ma Facebook censura il suo "Bacio"

L'immagine usata per promuovere l'evento ma il social ha chiesto di "evitare allusioni di natura sessuale"

Il "Bacio" di Rodin è troppo esplicito e per questo Facebook non promueverà con questa immagine la mostra sullo scultore francese prevista a Treviso dal 24 febbraiop 2018. A farlo sapere a Linea d'Ombra, lo studio che si occupa dell'esposizione, è lo stesso social network in una nota: "Mostra eccessivamente il corpo o presenta contenuti allusivi". E suggerisce "di utilizzare contenuti che si concentrano sul prodotto o servizio, evitando allusioni di natura sessuale".

 

Il post di promozione su fb è sparito e poi riaaprso sulla pagina dello studio e le motivazioni date dal social di Cupertino hanno aumentato le perplessità. "Può un'immagine simbolo della storia dell'arte essere paragonata a una qualsiasi immagine di carattere sessualmente esplicito ? In una Rete invasa da orribile pornografia vogliamo davvero equiparare i nudi rinascimentali a immagini che invece circolano liberamente?", si cheide Marco Goldi, responsabile di Linea d'Ombra.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

In Kenya un centro di formazione spaziale sostenuto dall'Italia

Trova interesse e risposte la proposta di cooperazione dell'Agenzia Spaziale Italiana. I "nanosatelliti" come primo passo per l'Africa

San Valentino, è il momento per disfarsi dei regali dell'ex

eBay lancia la campagna #ExInVendita per liberarsi di tutti gli oggetti che parlano di una storia finita

Space X lancia oggi il Falcon Heavy

SpaceX lancia razzo più potente mondo e Musk manda una Tesla su Marte

Per dare ancora più "concettualità" all'operazione, il lancio avrà come sfondo 'Space Oddity' di David Bowie

Cyberbullismo, molte vittime, pochi denunciano. I rischi di una generazione connessa

Il 7 febbraio la Giornata nazionale contro il bullismo in rete. Una ricerca di Telefono Azzurro. Oltre la metà dei ragazzi ha subito qualche episodio. Ragazze nel mirino