Martedì 21 Novembre 2017 - 14:15

Roma, aneurisma scambiato per stress: muore 14enne, indaga procura

Era stata visitata al Sandro Pertini. Aperto un fascicolo a carico di ignoti per omicidio colposo. Lorenzin invia task force

TAC alle mummie per studiare l'origine malattie cardiovascolari

La procura di Roma indaga sulla morte di una 14enne avvenuta il 6 novembre scorso: alla giovane, deceduta per un'emorragia cerebrale provocata da un aneurisma, era stato inzialmente diagnosticato un malore dovuto a stress.

Solo a distanza di ore dalla prima erronea diagnosi, la giovane è stata spostata dall'ospedale Sandro Pertini di Roma in un'altra struttura dove è morta il 6 novembre. La procura ha aperto un fascicolo a carico di ignoti per omicidio colposo. 

Inoltre, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha disposto l'invio della task force al Pertini per accertare quanto accaduto. La task force, formata da esperti dell'Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), carabinieri del Nas e ispettori del ministero della Salute, si recherà nelle prossime ore all'ospedale romanio per i primi rilievi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Fabrizio Pasini omicida di Manuela Bailo esce dalla caserma dei carabinieri

Frosinone, pensionato uccide i due figli e si suicida

L'uomo, ex dipendente delle ferrocvie, sembra fosse ossessionato dalla malattia della figlia. La moglie era uscita per andare alle poste, ha sentito gli spari e ha scoperto la strage

Lazio, volantini anti-donne allo Stadio Olimpico: identificati gli autori

L'avviso diffuso durante la partita contro il Napoli con cui i biancocelesti invitavano le tifose a tenersi lontane dalle prime file. Presto potrebbero scattare le prime denunce

Ponti a rischio crollo monitorati dal Comune di Roma

Roma, allarme per ponte Magliana. Dossier: "Urgente verifica e monitoraggio"

Il report dei vigili del fuoco: "Serve subito un tavolo tecnico"

Bomba d'acqua su Roma. Metro bloccata, danni e allagamenti

Pioggia torrenziale nelle prime ore del pomeriggio sulla Capitale. Stop anche alla ferrovia Roma-Viterbo