Martedì 07 Novembre 2017 - 16:00

Roma, blitz nel campo rom degli indagati per stupro di due 14enni: 9 arresti

I carabinieri in via di Salone dove vivevano i giovani accusati di aver violentato due ragazzine

Neonato ritrovato morto a Musile di Piave

Degrado, miseria e illegalità diffusa. È il panorama che emerge dalla mattinata di controlli dei carabinieri nel campo nomadi di via di Salone, alla periferia est di Roma. Lo stesso nel quale abitavano i due ventenni ora in carcere a Regina Coeli per lo stupro di due ragazze 14enni al Collatino. Duecento persone sono state identificate, 20 delle quali sottoposte a misure restrittive: due gli arresti per spaccio, con decine di dosi sequestrate, e sette le persone, che avevano occupato abusivamente altrettanti moduli abitativi, finite in manette per furto di energia elettrica con allacci abusivi.

Nel campo, tra baracche e sporcizia, ci sono le abitazioni in cui risiedono Mario Seferovic e Maikon Halilovic, i due giovani di origini bosniache finiti in carcere la scorsa settimana perché accusati dello stupro delle due ragazze, avvenuto sei mesi fa nel quartiere Collatino.

Durante i controlli di oggi nel campo, che hanno impegnato cento carabinieri e personale dell'Acea, dieci persone prive di documenti di identità sono state accompagnate in caserma per l'identificazione, e per due di loro si sta valutando l'espulsione dal territorio nazionale. Cinque tra furgoni e auto sono stati sequestrati perché privi di assicurazione e decine di violazioni in materia ambientale sono state rilevate.

Intanto, dalla cella in cui sono rinchiusi, Seferovic e Halilovic negano di aver fatto ciò che viene loro contestato: sono accusati di sequestro di persona e violenza sessuale in concorso. Secondo quanto riferito dalle due adolescenti, mentre Halilovic faceva da palo, Seferovic portava le due giovani in un boschetto, le spogliava, ammanettava a una recinsione, e minacciava prima di stuprarle entrambi. Le ragazze hanno denunciato quanto avvenuto un mese dopo i fatti, di lì sono partite le indagini che hanno portato all'identificazione dei due ventenni. Il 2 agosto scorso, nel corso di un incidente probatorio, le giovani hanno confermato la ricostruzione dei fatti, e venerdì scorso i due rom sono stati arrestati.

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Stadio Roma, nuove ammissioni dal manager di Parnasi: "Lanzalone? Era il Campidoglio"

Interrogato dai pm Luca Caporilli, il dirigente stretto collaboratore del costruttore finito in manette

Virginia Raggi esce dal Campidoglio per andare in procura

Stadio della Roma, Raggi di nuovo in procura. Di Maio: "Lanzalone in Acea? Fu premiato il merito"

Già venerdì scorso la sindaca aveva chiarito una serie di dettagli della collaborazione instaurata con l'ex presidente della partecipata coinvolto nello scandalo

Stadio della Roma, interrogatori e prime ammissioni: cresce numero indagati

Lanzalone, l'avvocato ex presidente di Acea, ha respinto ogni accusa. Per la procura: avrebbe aiutato Parnasi facendo gli interessi suoi anziché quelli del Comune

Presentazione del progetto del nuovo stadio della Roma

Stadio della Roma, il suo futuro è appeso a un filo: un iter lungo sei anni

La bufera giudiziaria che ha travolto il progetto da un miliardo mette a rischio la realizzazione dell'impianto