Mercoledì 15 Marzo 2017 - 08:45

Roma, corruzione in appalti: tra i 9 arrestati 2 dirigenti Asl

Indagati anche imprenditori e pubblici ufficiali

Roma, corruzione in appalti: tra i 9 arrestati 2 dirigenti Asl

Corruzione e turbativa di appalti nella sanità pubblica di Roma. I Nas della capitale hanno eseguito 9 provvedimenti restrittivi che prevedono la detenzione in carcere per due dirigenti di un'Asl della Capitale e un gestore di laboratori di analisi cliniche e gli arresti domiciliari nei confronti di altri 6 tra dipendenti Asl e imprenditori. I provvedimenti sono stati emessi nell'ambito di una articolata indagine della Procura di Roma che ha portato, tra l'altro, ad accertare gravi condotte corruttive e di turbativa di gara pubblica per l'assegnazione di opere manutentive di strutture sanitarie romane.

Nelle stesse indagini sono state indagate altre 10 persone tra dirigenti e pubblici ufficiali, imprenditori privati e altri soggetti ritenuti coinvolti in una ramificata rete di reciproche facilitazioni affaristiche finalizzate alla realizzazione di profitti e vantaggi personali, perpetrate mediante traffici di influenze e la redazione di false attestazioni.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Omicidio a Milano, ragazzina accoltellata in appartamento di via Brioschi

Roma, uccide il cane di suo figlio gettandolo dal settimo piano

L'onorevole Brambilla: "Denunceremo per maltrattamento e violenza privata l'autore di questo inqualificabile gesto"

Studenti contro docente che toglie il crocefisso

Roma, alunno minaccia professoressa: "Ti sciolgo con l'acido"

Il video risale al dicembre del 2016 ma solo tre giorni fa il materiale è stato inviato ai carabinieri del posto

Omicidio Vannini, 14 anni al padre della fidanzata

Il ragazzo, 18 anni, venne ucciso mentre si trovava nella vasca da bagno. Condanne minori per la giovane, la madre e il fratello

Ilaria Cucchi, Lucia Uva e Gianni Tonelli ospiti della trasmissione In mezz'ora

Caso Cucchi, spuntano due relazioni falsificate dei carabinieri

Documenti rifatti per minimizzare la gravità dell'accaduto. Inizia il processo a 5 carabinieri. Tre rispondono di omicidio preterintenzionale