Lunedì 09 Ottobre 2017 - 12:15

Roma, drogato in auto investe 2 ragazzi. Salvato dal linciaggio

E' successo nel quartiere di Tor Bella Monica. L'uomo si è fermato ed è stato picchiato. I due giovani in prognosi riservata

203° anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri

Sotto sostanze stupefacenti si è messo alla guida e ha investito due minorenni di 16 e 17 anni in zona Tor Bella Monaca, a Roma, e poi ha rischiato il linciaggio. E' accaduto ieri sera intorno alle 20 in via dell'Archeologia, l'uomo, 32 anni, a bordo di una Volkswagen Golf, dopo aver investito i due ragazzi, si è fermato per sincerarsi delle loro condizioni ed è stato aggredito da alcuni residenti.

Solo grazie all'intervento di quattro volanti dei carabinieri, coadiuvati dagli agenti della polizia di Roma capitale, è stato evitato il peggio. Il 32enne per le ferite riportate dopo il pestaggio è stato giudicato guaribile in 20 giorni, mentre i due minori sono in prognosi riservata, pur non essendo in pericolo di vita.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, aggressione fra condomini del palazzo di Piazza Insubria 3

Roma, trovato corpo su via Braccianense: è giovane scomparso

Il corpo è stato trovato in un dirupo poco distante da una motocicletta in tutto simile a quella usata dal giovane

Roma, Metro C: rischio processo per 25 persone, c'è anche Alemanno

Chiusa l'inchiesta. Tra gli indagati, anche l'ex sindaco della capitale. I pm contestano episodi di corruzione nel periodo tra 2010 e 2015

Roma, Papa Francesco in visita all'ospedale Bambino Gesù

Giallo a Roma, bimba nomade ferita alla schiena: si indaga

Era in braccio a sua madre, in via Palmiro Togliatti, quando ha iniziato a piangere. La donna si è accorta del sangue e l'ha portata in ospedale

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, blitz Casamonica: al via gli interrogatori di garanzia per arrestati

Tra i primi a comparire davanti al gip, avvalendosi della facoltà di non rispondere, è stato Domenico Strangio, ritenuto dagli inquirenti l'esponente dell'omonima cosca della Locride, che riforniva il clan di cocaina