Venerdì 13 Ottobre 2017 - 11:45

Roma, evasione Rebibbia: chiesto processo a ex direttore e altri 13

Secondo la pm il personale del carcere avrebbe facilitato la fuga di tre detenuti con una serie di omissioni

Roma, evasione Rebibbia: chiesto processo a ex direttore e altri 13

Rischia il processo l'ex direttore del carcere di Rebibbia Mauro Mariani e con lui altre 13 persone, tutte indagate per la vicenda legata all'evasione di tre detenuti dal carcere romano di Rebibbia avvenuta lo scorso 27 ottobre.

Oggi la prima udienza davanti al gup per l'ex direttore Mariani, l'allora capo dell'Ufficio detenuti del Provveditorato regionale Claudio Marchiandi, e Massimo Cardilli, comandante di reparto degli agenti di custodia al tempo della fuga dei tre cittadini albanesi, oltre a undici agenti penitenziari. Il reato contestato, si chiama tecnicamente 'colpa del custode' ed è legato alla presunta inosservanza delle regole di vigilanza interna dell'istituto.

Secondo la pm titolare delle indagini, Nadia Plastina, il personale del carcere avrebbe facilitato la fuga dei tre con una serie di omissioni, e mancanze professionali gravi, soprattutto per le conseguenze che hanno avuto, anche se 'colpose'.

Nella prima udienza, alcuni dei 14 imputati, tra i quali Mariani, hanno annunciato di volere essere giudicati con il rito abbreviato, e il processo è stato aggiornato al 19 gennaio prossimo.

Le tre persone evase erano considerate molto pericolose: avevano trascorsi criminali che andavano dal traffico di droga e armi, allo sfruttamento della prostituzione fino agli omicidi e solo uno di loro venne arrestano mesi dopo la fuga. Il più temibile Basho Tesi, 35 anni, era stato condannato all'ergastolo per omicidio, armi e sfruttamento della prostituzione; su Ilir Pere, 40 anni, pendeva una condanna per traffico di droga e armi, e per tentato omicidio con fine pena nel 2041; mentre Mikel Hasanbelli, 38 anni, individuato e bloccato l'11 febbraio scorso in provincia di Como, era in carcere per droga e sfruttamento della prostituzione con fine pena nel 2020.

Subito dopo l'evasione, il 27 ottobre del 2016, gli inquirenti sottolinearono che i tre avevano probabilmente appoggi esterni di persone pronte ad aiutare la loro fuga anche economicamente. Inoltre i tre, scappati dopo aver segato le sbarre ed essersi calati dalle mura di cinta del carcere con lenzuola legate tra loro, avevano avuto un vantaggio di oltre sei ore sulle forze dell'ordine, perché tanto era passato dal momento dell'evasione a quando era scattato l'allarme.
 

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ragazza diciassettenne trovata in un parco con ferite alla testa dopo notte in discoteca

La Spezia, 50enne morto a Sarzana: si indaga per omicidio

Era un architetto con una bella famiglia senza alcun precedente penale

Anziano restituisce borsa con 2mila euro: "Ho fatto una cosa normale"

"Quando ho visto tutti quei soldi, mi sono spaventato", racconta il 72enne

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

Molti provengono da Thailandia o Cina da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari