Venerdì 08 Settembre 2017 - 18:45

Roma respinge per sempre i centurioni

La sentenza definitiva del Consiglio di Stato dà ragione al Comune

Roma, Degrado a Castel Sant'Angelo

Il Consiglio di Stato blocca per sempre i centurioni: il comune di Roma ha ragione. I giudici confermano quindi la decisione del Tar che aveva dato luce verde all'ordinanza del Campidoglio, con la quale è stato disposto il divieto in un'ampia zona, costituente praticamente tutto il Centro storico di Roma, "di qualsiasi attività che prevede la disponibilità di essere ritratto come soggetto di abbigliamento storico, in fotografie o filmati, dietro corrispettivo in denaro". Secondo il Consiglio di Stato quindi "il Comune ha basato il provvedimento adottato su esigenze di tutela del patrimonio storico, effettivamente non irragionevolmente valutate e certamente prevalenti rispetto alle esigenze di tutela esposte dai ricorrenti, ancorché di evidente rilevanza". Pertanto, proseguono da Palazzo Spada, "appare legittima la riedizione dell'ordinanza sindacale".

La sentenza del Consiglio di Stato è definitiva e dovrebbe rappresentare la fine del controverso fenomeno tipicamente romano.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Otto persone indagate per blitz Forza Nuova sotto la sede di Repubblica: una è minorenne

Sono state riconosciute con l'aiuto dei video delle telecamere di sorveglianza

Roma, esploso ordigno all'esterno della caserma dei Carabinieri Caccamo

Roma, gli anarchici rivendicano l'attentato alla caserma dei carabinieri di San Giovanni

La bomba è esplosa alle 5,30 in via Birmania. Nessun ferito. La Federazione Anarchica Informale: "Portata la guerra a casa di Minniti"

Spedizione di Forza Nuova sotto la sede di Repubblica

Una dozzina i militanti con bandiere e fumogeni. Su Fb la rivendicazione. Solidarietà da Renzi a Beppe Grillo passando per Giorgia Meloni

Roma, donna trascinata dalla metro: Atac reintegra il macchinista

Il dipendente non sarà impiegato nel servizio passeggeri, ma nella manovra dei treni in deposito