Giovedì 14 Giugno 2018 - 09:30

Roma, incendio in un palazzo del centro storico vicino a casa di Fico: due i feriti

Fiamme divampate in un appartamento di via di Tor di Nona, tra Castel Sant'Angelo e piazza Navona

Roma, incendio in un palazzo in Via Tor di Nona

Un incendio è divampato in un appartamento di un palazzo in via di Tor di Nona, a Roma, in pieno centro storico.

Al momento la zona interessata, compresa tra Castel Sant'Angelo e piazza Navona, è stata trasennata dai vigili del fuoco, al lavoro per la messa in sicurezza degli stabili.

Due le persone che, stando a quanto riportato dal Messaggero, sarebbero rimaste ferite: la più grave è una donna, probabilmente la proprietaria dell'interno, ustionata dalle fiamme. 

Dalle prime ricostruzioni si apprende che l'incendio sarebbe stato causato da alcune candele lasciate accese nell'appartamento. Il fuoco ha distrutto due locali. L'intero palazzo, in via precauzionale, è stato evacuato. 

Proprio nell'edificio adiacente a quello interessato dall'incendio abita il presidente della Camera Roberto Fico.

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, cornicione caduto in via Manara

Presidente 118: "Vite a rischio con numero unico 112". Appello a Salvini e Giulia Grillo

Intervista a Mario Balzanelli: "Perché rischiare se l'Europa non ce lo chiede? Ogni minuto guadagnato permette più possibilità di salvezza"

Omicidio Varani, in appello pg chiede 30 anni di carcere per Foffo

Il 23enne morì a Roma il 4 marzo del 2016 dopo quasi due ore di sevizie inflitte dall'imputato e dal complice Marco Prato

Carabinieri sul luogo di un omicidio in Via Marx 495 a Sesto San Giovanni

Uscire da soli alla sera: un quarto degli italiani ha paura

I dati del'Istat sulle insicurezze dei cittadini. Meno della metà (44%) dichiara di sentirsi tranquilli per strada al buio

Panico tra la folla che assisteva alla finale di Champions Legaue tra Juve e Real Madrid in Piazza San Carlo

Torino, fatti di piazza San Carlo: chiesto rinvio a giudizio per Appendino

La decisione della procura coinvolge anche altri 14 indagati