Venerdì 24 Febbraio 2017 - 17:30

Raggi dimessa dopo il malore: partecipa a vertice su stadio Roma

La prima cittadina ha raggiunto il Campidoglio per la riunione con il club

Roma, la sindaca Raggi lascia l'ospedale dopo il malore

La sindaca di Roma Virginia Raggi ha lasciato l'ospedale San Filippo Neri, dove era stata ricoverata stamane per accertamenti inseguito a un malore. Raggi è ora in Campidoglio per la riunione con la As Roma. 

 

 

La prima cittadina è stata sottoposta in a una serie di accertamenti presso la struttura, dove si era recata stamane, alle 9. Le condizioni di Raggi, dopo il malore sono apparse subito "in netto miglioramento", come aveva sottolineato il direttore sanitario del San Filippo Neri in Roma, leggendo ai giornalisti il primo bollettino medico. La sindaca era giunta stamattina alle ore 8.54, con mezzi propri, presso il pronto soccorso per la comparsa di un malore improvviso. "Sono stati eseguiti gli accertamenti clinici e diagnostici necessari e non sono state riscontrate alterazioni significative", si legge nel bollettino medico divulgato da Massimo Magnanti, direttore pronto soccorso San Filippo Neri.

LEGGI ANCHE Solidarietà a Raggi dopo malore, M5S: Siamo con te, daje Virgì

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Renzi: Il racconto di me burattinaio del governo non esiste

Renzi: Io burattinaio governo? Racconto che non esiste

"Io mi sono dimesso da tutto, da premier e da segretario"

Mogherini: Se coordiniamo intelligence riusciremo a battere Isis

Mogherini: Se coordiniamo l'intelligence batteremo l'Isis

"La battaglia va combattuta su diversi piani", non solo con l'azione militare in Siria e Iraq

Beppe Grillo

Grillo scrive al Pd: Distrutta storia del più grande partito di sinistra

Il leader M5s nella lettera: "Non siamo il pretesto per la vostra dissoluzione"

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

"Abbiamo cambiato le regole dei partiti e dei mass media tradizionali"