Lunedì 09 Gennaio 2017 - 12:30

Lascia figlio di 3 anni in auto per giocare alle slot: arrestato

E' successo a Ostia, in provincia di Roma, alle 4 di notte

Lascia figlio di 3 anni in auto per giocare alle slot: arrestato

Lascia in auto da solo e al freddo il figlio di tre anni per andare a giocare alle slot machines. I carabinieri salvano il bimbo da una possibile ipotermia e arrestano il padre per abbandono di minore. E' successo a Ostia, in provincia di Roma, alle 4 di notte. Alcuni passanti hanno segnalato ai carabinieri la presenza di un bimbo da solo in auto. La vettura si trovava in via Casana a Ostia e aveva il lunotto posteriore rotto, sostituito da una pellicola di cellophane.

I militari hanno indicato al bambino il pulsante da schiacciare per aprire le portiere. Una volta fuori dalla vettura è stato avvolto dai giacconi dei carabinieri ed è stato portato al pronto soccorso per accertare che stesse bene. Nel mentre i carabinieri hanno cercato il proprietario dell'auto e padre del bambino. Solo dopo circa un'ora il padre è stato rintracciato mentre ancora era intento a giocare alle macchinette. Ora l'uomo di 33 anni dovrà rispondere di abbandono di minore. Il bambino è stato riaffidato alla madre.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La festa degli indiani Sikh a Brescia

Milano, nozze combinate in Bangladesh a 10 anni: mamma la salva

Il matrimonio organizzato dal padre tra la figlia e un 22enne. Ma la madre ha strappato i passaporti e denunciato il marito

ITALY-LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene

Sole e nuvole ma fa caldo: il meteo del 27 e 28 maggio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Morte Corazzin, sindaco San Vito al Tagliamento: "Verità per Rossella"

Parla Antonio Di Bisceglie, primo cittadino del Comune dove viveva la 17enne che, secondo la testimonianza del Angelo Izzo, sarebbe stata rapita e uccisa da un branco di giovani