Venerdì 23 Giugno 2017 - 17:45

Campidoglio, Marra: Raggi non ha le palle per fare la sindaca

L'ex dirigente nel novembre scorso anno parlava al telefono del rapporto con la prima cittadina

Roma, Marra su Raggi: Non ha le palle per fare la sindaca

Dice che l'hanno fregata" ma la verità è che "non c'ha le palle" per fare la sindaca. Così Raffaele Marra nel novembre dello scorso anno parlava con l'amica Concetta del rapporto, già molto deteriorato con Virginia Raggi. Motivo principale della rottura proprio quella nomina del fratello di Marra, Renato, per il quale sono ora entrambi indagati dalla procura di Roma.

"Tu (Raggi ndr) dovevi avere il coraggio di dire 'guarda è uno dei più  bravi che ci stanno, lo volevo fare comandante, per non creare un problema l'aggia fatto direttore de' 'o Turismo'", si sfoga l'ex capo del personale nella telefonata intercettata e depositata con notifica della chiusura dell'inchiesta. La verità, sottolinea l'ex braccio destro della sindaca e che "non c'ha le palle di poterglielo". "E allora - aggiunge - che cazzo lo fai a fa' 'u sindaco, scusami?".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

TOPSHOT-ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico". Ue: "Italia ha ragione su cooperazione"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici e l'Irlanda prenderanno una quota di persone. Governo: "Per la prima volta sono sbarcati in Europa"

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto