Mercoledì 27 Dicembre 2017 - 19:45

Roma, morta a Natale bimba di 3 anni per sospetta meningite

Nonostante le cure intensive prestate dai medici di terapia intensiva pediatrica, la piccola non ce l'ha fatta

Paolo Gentiloni ricoverato al Policlinico Agostino Gemelli

Una bimba di tre anni è morta il giorno di Natale all'ospedale Gemelli di Roma per una sospetta meningite da pneumococco. E' arrivata al Gemelli in stato quasi terminale dall'ospedale Sant'Andrea e - nonostante le cure intensive prestate dai medici di terapia intensiva pediatrica - la piccola non ce l'ha fatta.

Per sapere con certezza se si sia trattato di meningite batterica o virale bisognerà attendere l'esito dell'esame da parte dell'Istituto superiore di sanità, dove, a quanto si apprende, è stato inviato il campione biologico della bambina. La risposta si avrà, probabilmente, domani.

L'amministrazione comunale di Capena, paese d'origine della piccola, esprime in una nota le condoglianze alla famiglia. "Il Servizio di Igiene Pubblica e Prevenzione della nostra Asl - si legge - si è tempestivamente e immediatamente attivato, sin dal primo pomeriggio del 24 dicembre; il dirigente medico Responsabile Asl, con la collaborazione dei familiari della bambina e della Responsabile della scuola frequentata, ha attuato il protocollo di profilassi previsto, dando le informazioni necessarie alle famiglie ed ai soggetti interessati da un ipotetico contatto stretto. Nessun'altra comunicazione ufficiale è stata data sinora al Comune che provvederà a dare ulteriori notizie sul caso qualora effettivamente utili alla comunità".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, è morta la 13enne risucchiata dal bocchettone di aspirazione della piscina

È successo in un hotel di Sperlonga mentre stava facendo il bagno. Portata al policlinico Gemelli, non ce l'ha fatta

Fiamme negli studios di Cinecittà: distrutto il set dell'Antica Roma

L'incendio è divampato nella notte: a fuoco parti di rivestimenti e strutture di alcune scenografie. Basilica Aemilia non esiste più. Non ci sono feriti

Buche e asfalto disastrato a Roma

"Segnate le buche a Roma. O altri moriranno come mia figlia"

L'appello della madre di Elena Aubry, morta sulla Ostiense il 6 giugno scorso. E molti prendono le bombolette per tracciare il dissesto delle strade