Giovedì 13 Luglio 2017 - 22:00

Roma, Raggi ascoltata da pm per caso nomine: Sono fiduciosa

Sindaca è stata sentita per 4 ore da sostituto procuratore Dall'Olio

Roma, Raggi ascoltata da pm per caso nomine: Sono fiduciosa

"È stato un colloquio molto cordiale. Del resto lo avevo chiesto io, sono fiduciosa". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi, lasciando gli uffici della procura di Roma dove è stata sentita per spontanee dichiarazioni.
La sindaca è stata sentita per quattro ore nell'ufficio del sostituto procuratore Francesco Dall'Olio, titolare dei due fascicoli sulle nomine in Campidoglio che vedono iscritta la prima cittadina.

Raggi è stata accompagnata in procura dai suoi legali che hanno depositato un parere dell'amministrativista Federico Tedeschini sulla legittimità della nomina di Salvatore Romeo, ex capo della sua segreteria politica.
La sindaca giorni fa aveva manifestato l'intenzione di fornire una serie di chiarimenti sulle inchieste che la vedono indagata per abuso d'ufficio, nel caso della nomina di Romeo, e falso, nel fascicolo sulla scelta di Renato Marra come capo del dipartimento Turismo del Comune. Su questa seconda inchiesta la sindaca ha ribadito davanti ai pm di non aver fatto alcuna falsa dichiarazione in merito.
 

 Secondo la ricostruzione della procura di Roma da parte della prima cittadina ci fu abuso d'ufficio nella nomina del capo della sua segreteria politica, che portò tra l'altro Salvatore Romeo, suo amico, ad avere lo stipendio triplicato, da 39 mila euro lordi l'anno, a 110 mila, scesi successivamente a 93 mila dopo l'intervento dell'Autorità nazionale anticorruzione.
Per quanto riguarda, invece, la nomina del vigile urbano Renato Marra la sindaca è sotto indagine per aver dichiarato alla responsabile anticorruzione del Campidoglio che aveva deciso lei da sola ogni dettaglio di tale scelta, senza consultare l'allora capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra, fratello di Renato. Ma questa circostanza sarebbe palesemente smentita dalle chat, tra la sindaca e l'ex capo del personale, nelle quali Raggi rimprovera a Marra di averla 'messa in imbarazzo' per aver scelto il fratello Renato senza consultarla.
Nella prima inchiesta è indagato per abuso d'ufficio lo stesso Salvatore Romeo. Mentre Raffaele Marra, già a processo per corruzione, rischia per la nomina del fratello un nuovo procedimento per abuso d'ufficio.
Nel fascicolo sulla nomina di Romeo entrano anche le tre polizze sulla vita che il funzionario intestò alla prima cittadina, sua cara amica, del valore complessivo di 41mila euro. Mesi fa quelle stesse assicurazioni costarono il posto all'allora capo della segreteria.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Giuseppe Conte arriva alla Camera per le consultazioni

Conte incontra i partiti: al via le consultazioni per formare un nuovo governo

Il primo appuntamento è alle 12 alla Camera. Bonino (+Europa) e Lorenzin (Ap-Psi-Area civica) contrari al governo

Allarme bomba in via della Conciliazione a Roma

Roma, truffato due volte in un giorno, fa arrestare tre persone

L'uomo è stato preso di mira con il trucco dello specchietto. La seconda volta, gli hanno portato via tremila euro per i danni a un orologio

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi