Giovedì 13 Luglio 2017 - 22:00

Roma, Raggi ascoltata da pm per caso nomine: Sono fiduciosa

Sindaca è stata sentita per 4 ore da sostituto procuratore Dall'Olio

Roma, Raggi ascoltata da pm per caso nomine: Sono fiduciosa

"È stato un colloquio molto cordiale. Del resto lo avevo chiesto io, sono fiduciosa". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi, lasciando gli uffici della procura di Roma dove è stata sentita per spontanee dichiarazioni.
La sindaca è stata sentita per quattro ore nell'ufficio del sostituto procuratore Francesco Dall'Olio, titolare dei due fascicoli sulle nomine in Campidoglio che vedono iscritta la prima cittadina.

Raggi è stata accompagnata in procura dai suoi legali che hanno depositato un parere dell'amministrativista Federico Tedeschini sulla legittimità della nomina di Salvatore Romeo, ex capo della sua segreteria politica.
La sindaca giorni fa aveva manifestato l'intenzione di fornire una serie di chiarimenti sulle inchieste che la vedono indagata per abuso d'ufficio, nel caso della nomina di Romeo, e falso, nel fascicolo sulla scelta di Renato Marra come capo del dipartimento Turismo del Comune. Su questa seconda inchiesta la sindaca ha ribadito davanti ai pm di non aver fatto alcuna falsa dichiarazione in merito.
 

 Secondo la ricostruzione della procura di Roma da parte della prima cittadina ci fu abuso d'ufficio nella nomina del capo della sua segreteria politica, che portò tra l'altro Salvatore Romeo, suo amico, ad avere lo stipendio triplicato, da 39 mila euro lordi l'anno, a 110 mila, scesi successivamente a 93 mila dopo l'intervento dell'Autorità nazionale anticorruzione.
Per quanto riguarda, invece, la nomina del vigile urbano Renato Marra la sindaca è sotto indagine per aver dichiarato alla responsabile anticorruzione del Campidoglio che aveva deciso lei da sola ogni dettaglio di tale scelta, senza consultare l'allora capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra, fratello di Renato. Ma questa circostanza sarebbe palesemente smentita dalle chat, tra la sindaca e l'ex capo del personale, nelle quali Raggi rimprovera a Marra di averla 'messa in imbarazzo' per aver scelto il fratello Renato senza consultarla.
Nella prima inchiesta è indagato per abuso d'ufficio lo stesso Salvatore Romeo. Mentre Raffaele Marra, già a processo per corruzione, rischia per la nomina del fratello un nuovo procedimento per abuso d'ufficio.
Nel fascicolo sulla nomina di Romeo entrano anche le tre polizze sulla vita che il funzionario intestò alla prima cittadina, sua cara amica, del valore complessivo di 41mila euro. Mesi fa quelle stesse assicurazioni costarono il posto all'allora capo della segreteria.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dibattito confronto tra le candidate presidenti del X Muncipio

Ostia,ballottaggio blindato ma si chiude senza big. Scintille Meloni-M5S

Al primo turno la candidata pentastellata Di Pillo è stata la più votata con il 30,21%, seguita da quella del centrodestra Picca con il 26,68%

Roma, ritrovamento di un cadavere in un sottopasso del Muro Torto

Roma, donna uccisa in sottopasso: fermato un clochard

L'uomo ha ammesso l'omicidio della senzatetto di 39 anni di origine brasiliana trovata morta vicino Porta Pia

"Incendiato nella notte il portone della sede Pd a Ostia". Renzi: "Non abbiamo paura"

Le reazioni su twitter. Alle 18 il Pd davanti al circolo bruciato. La sera prima la manifestazione promossa da Libera e Fnsi. Domenica il ballottaggio.

Paolo Gentiloni e Walter Veltroni alla presentazione del libro "Quando"

Gentiloni: "Il centrosinistra sia largo e unito"

Il premier avverte: "Rifugiarsi nella nostalgia del passato è un rischio drammatico"